Attualità

Albenga, presentato il progetto “Eco-School” per la tutela delle spiagge ingaune

E’ stato illustrato, alla presenza del sindaco Giorgio Cangiano, dell’assessore all’ambiente Mariangelo Vio, di alcuni insegnanti e una parte di studenti che lo hanno realizzato, il progetto “Eco-Schools” per la tutela delle spiagge e dell’ambiente marino.

“Questo progetto è molto importante perchè coinvolge i giovani ed il nostro mare principale, il Mediterraneo, ha problemi per le attività che vi si svolgono e per l’inquinamento”, ha dichiarato l’assessore all’ambiente Mariangelo Vio, “e uno dei nostri obiettivi principali è ottenere la Bandiera Blu alla quale ci stiamo avvicinando anche grazie all’inizio del percorso di depurazione. Il 5 giugno alle ore 10 in Piazza San Michele ci sarà la consegna della Bandiera Verde e sono convinto che questo sia solo il primo di una serie di passi che ci porteranno, anche se in netto ritardo, alla Bandiera Blu. I nostri ragazzi, anche grazie all’aiuto degli insegnanti, sono molto impegnati su queste tematiche e sono sicuro che questo sarà un obiettivo raggiungibile”.

Stessa soddisfazione da parte del primo cittadino Giorgio Cangiano :”Ringrazio tutti coloro che hanno creduto in questo progetto e voglio dire che il nostro litorale va tutelato e per fare ciò occorre puntare sui giovani che sono il nostro futuro. Il cambiamento dev’essere naturale e con questo progetto i giovani vengono responsabilizzati e possono educare i genitori a tenere un comportamento corretto sulle spiagge”.

“Questo progetto nasce in Danimarca e i risultati ottenuti in Liguria sono molto importanti”, sottolinea la responsabile della Fondazione Eco-School, “e proprio ieri il comune di Loano ha ottenuto ben quattro bandiere verdi. E’ molto importante coinvolgere il sindaco e l’assessore competente che coinvolgeranno le scuole, che quest’anno sono state ben 98 nel nostro paese, e voglio dire che l’educazione ambientale inizia dai ragazzi ed il progetto non deve rimanere chiuso nelle scuole ma dev’essere comunicato al territorio e alle associazioni. Bisogna aiutare le scuole a sviluppare questo progetto e per ottenere la Bandiera Blu sono necessari 7 step tra cui la partecipazione a questo importante progetto che coinvolge l’istruzione e la cultura”.

“Questo è un progetto interdisciplinare e l’associazione Informare ci ha aiutati molto”, evidenzia il professor Maghella, “e per farlo abbiamo adottato una spiaggia che abbiamo monitorato con una sucessiva raccolta dei dati. La spiaggia coinvolta è quelle di fronte alla piscina e uno dei nostri obiettivi è quello di diffondere le nostre conoscenze con la creazione di volantini con su scritto l’eco-codice che sarà affisso in tutte le spiagge della città. Al progetto hanno collaborato circa 160 ragazzi e i dati raccolti sono stati inseriti su un apposita piattaforma dell’università di Genova, Bologna e Ancona”.

“Ringrazio il comune e voglio dire che la scuola dev’essere appoggiata da altre realtà del territorio”, riprende la vicepreside dell’istituto comprensivo Mara Grossi, “e devono essere sostenuti i principi educativi fondamentali attraverso i quali i ragazzi trasmettono il loro lavoro alle famiglie. Questo importante progetto proseguirà l’anno prossimo e sono sicura che otterrà un’importante risonanza”.

“Ringrazio i ragazzi per la bellissima iniziativa”, ha ricordato il responsabile dei Bagni Marini, “e mi piace molto collaborare con i ragazzi perchè loro sono il nostro futuro. La pulizia sulle spiagge è molto importante ed è un problema anche perchè il fiume trasporta rifiuti di ogni genere”.

“Abbiamo spiegato ai ragazzi come raccogliere i dati che sono stati poi inseriti su un database internazionale con lo stesso metodo usato a livello mondiale che ha portato a importanti confronti. L’ambiente costiero delle provincie di Savona ed Imperia è molto bello ed è ricco di specie ed occorre conoscerlo per tutelarlo al meglio. Il problema dell’inquinamento è sempre presente, soprattutto con le plastiche ed i mozziconi di sigaretta, ed è difficile risolverlo ma con la sensibilizzazione corretta fatta in particolar modo ai giovani sono sicura si possa notevolmente ridurre”, conclude la biologa marina responsabile del progetto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: