Attualità

Calciando in rete – Un soggiorno turistico/sportivo ad hoc quello con la Cantera Torre de Leon

Quella in programma per lunedì 4 giugno sarà una serata di altissimo livello.  A partire dalle ore 21.00 presso la Sala Lelio Speranza del Coni Point di Savona (via Paleocapa 4/7)  infatti avverrà l’attesissima presentazione ufficiale del “Soggiorno Turistico/Sportivo 2018” proposto dall’Asd La Fortezza, società affiliata alla Libertas e regolarmente iscritta al Coni. A fare gli onori di casa  ci penserà il cav.Roberto Pizzorno Delegato Provinciale del Coni che nel suo messaggio di saluto ringrazierà i convenuti per la loro presenza ed augurerà un in bocca al lupo ai componenti della spedizione che parteciperanno alla 31^ Copa  Catalunya, torneo calcistico giovanile internazionale che rappresenta un oramai tradizionale ed irrinunciabile appuntamento per festeggiare la conclusione della stagione sportiva all’insegna del “Vieni con Noi” come cita il motto della Komm Mit . Provvederà poi l’ing. Piero Pirola presidente dell’Asr Cantera Torre de Leon ad illustrare l’intera iniziativa che si compone di varie opportunità a livello di tempo libero, arte, cultura, escursionismo. Per i calciofili si tratterà invece di un tuffo nell’estate coincidente tra l’altro con i mondiali di Russia, una settimana di vacanza e di divertimento indimenticabile in cui si daranno appuntamento per affrontarsi all’insegna del fair play centinaia di equipe e di gruppi spontanei provenienti da tutto il mondo.Nel corso dell’incontro dopo la visione del video cult ” Vamos alla battaglia” toccherà al Selezionatore Unico Dott. Felicino Vaniglia fornire i ragguagli di tipo tecnico vista l’alta competitività dei “magic team” allestiti  annunciando la composizione definitiva degli staff che in armonia con il competitivo parco giocatori avranno il compito di proseguire la lunghissima sequela di affermazioni che ha condotto trionfalmente il sodalizio biancorosso ad aggiudicarsi la prestigiosa “Estrella Dorada”, il massimo riconoscimento istituito dalla Federazione Catalana (10 trofei vinti consecutivamente su altrettante partecipazioni). Al medico sociale Dott. Giuseppe Centino qualificato professionista sanitario spetterà ricordare che durante il “tournament”, come di prassi,  si condurranno lezioni di “medicina preventiva” sui temi delle dipendenze (alcool, fumo, droghe, gioco, eccetera) che tanto incombono sulle next generations e delle azioni virtuose da porre in essere da parte dei giovani atleti nel campo dell’alimentazione e delle buone abitudini al fine di  favorire le performances. Sarà interessante ascoltare dal vivo la mozione di intenti del team manager Brian Piave a cui è stato affidato un ruolo chiave e di grande rilevanza e che sin dall’inizio del mandato ha dimostrato di saper interpretare con grande responsabilità, professionalità e dedizione. Infine al neo responsabile organizzativo  Gabriele Siri un giovane emergente con le idee chiare che ha già dimostrato in occasione della Savona Cup di saperci fare toccherà chiarire specialmente alle new entry le dinamiche e le procedure che fanno parte del Protocollo Cantera fornendo tutte le informazioni riguardanti il viaggio (modalità, orari, e mezzo di trasporto), la sistemazione alberghiera e la formula del rispettivo torneo, compreso i particolari inerenti al ‘mini-camp’ e alle eventuali attività ludico/didattiche facoltative che verranno svolte nei tempi di pausa al di fuori delle gare”. Previsti infine i  preziosi contributi della presidentessa regionale Libertas avv. Cristina Anelli,  del presidente della Fortezza Enrico Morando, del presidente dell’Associazione Nazionale Amici dello Sport, del delegato della Sporturismo Renzo Ficarella. In attesa dell’incontro il Comitato Organizzatore porge a tutti gli sportivi i suoi migliori saluti ricordando la filosofia insita nel mondo Cantera che è ben sintetizzata in un saggio aforisma di Marcel Proust : “Il solo vero viaggio, il solo bagno di Giovinezza, non sarebbe quello di andare verso nuovi paesaggi, ma di avere occhi diversi.” Ai ragazzi che ci hanno seguito, che ci seguono e che ci seguiranno abbiamo sempre regalato e regaleremo ancora un marchio inimitabile fatto di identità forte, senso di appartenenza ed emozioni senza tempo. Chi ama la Cantera, ama un’isola bella da morire.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: