Politica

Carcare – 143 mila euro di risparmio in cinque anni con la lista “Lorenzi sindaco”

Il 30% dell’indennità di sindaco, vice sindaco e assessori
devoluti ai servizi sociali alla persona e al turismo
In cinque anni di Amministrazione comunale da parte della lista “Lorenzi sindaco” verranno risparmiati 143 mila
euro. Una somma ingente derivante dal taglio del 30% dell’indennità di sindaco, vice sindaco e assessori.
Il decretovministeriale che fissa le indennità di funzione in relazione alle categorie di amministratori e alla dimensione
demografica dell’ente prevede per i Comuni della fascia a cui appartiene Carcare le seguenti misure (lorde mensili):  sindaco euro 2.788, 87 euro; vice sindaco 1.394, 43 euro; assessori a tempo pieno 1.254, 99 euro. Decurtando il 30% di
queste sommeil Comune avrà un risparmio mensile pari a 2.385 euro annuale pari a 28 mila 600 euro e nei 5 anni di
amministrazione pari a 143 mila euro. Queste cifre non verranno girate nel bilancio corrente, ma devolute
nei capitoli inerenti i servizi sociali alla persona e al turismo, al fine di dare un apporto concreto a due tra i settori che necessitano di maggiore sostegno. Non promesse irrealizzabili, ma un impegno concreto con i cittadini, scritto nero su bianco nel programma elettorale, quello assunto da
lla lista civica “Lorenzi sindaco” in caso di vittoria alle prossime elezioni amministrative. Un gesto tangibile per colmare il distacco diventato sempre più evidente nel tempo tra il “palazzo della politica” e la società civile. La popolazione
deve trovare risposte concrete alle sue esigenze e ai suoi
bisogni quotidiani in grado di migliorare la sua qualità della vita e per fare tutto questo è necessaria un’efficiente ed
efficace “Rete di servizi alla persona” capace di mantenere in equilibrio la cessione sociale e la sostenibile finanziaria. Estremamente articolato, in tal senso, il “progetto globale” (che coinvolge numerosi attori pubblici e privati) messo a punto dalla lista “Lorenzi sindaco”: promozione di contratti di locazione a canone concordato (per giovani coppie e meno abbienti); abbattimento delle barriere architettoniche; manutenzione adeguata di quelli esistenti e realizzazione di nuovi spazi destinati a parco gioco o ad altre attività ludiche per i più piccoli (laboratori creativi, musicali ecc…) e creazione di “luoghi” di ritrovo e di aggregazione per ragazzi e adolescenti; promozione di progetti finalizzati all’inclusione scolastica, lavorativa e sociale dei soggetti disabili/fragili; favorire l’educazione e il dialogo interculturale; creazione, in collaborazione con i privati, di un progetto per il recupero e la redistribuzione dei beni alimentari invenduti, ma ancora fruibili, da distribuire alle famiglie meno abbienti e in difficoltà. Interventi e azioni concrete, realizzabili per dare risposte tangibili che otterranno una maggiore spinta propulsiva e propositiva grazie agli introiti derivanti dalla devoluzione del 30% dell’indennità di sindaco, assessori e consiglieri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: