Attualità

La discarica di Bossarino in ulteriore ampliamento

Con decreto del Settore Ambiente della Regione Liguria è stata rilasciata l’Autorizzazione Integrata Ambientale al progetto di ampliamento della discarica per rifiuti speciali di Bossarino, a Vado Ligure, gestita dalla società Green Up (gruppo Waste Italia). L’AIA regola le emissioni in atmosfera, autorizza gli scarichi idrici, approva il piano di prevenzione e gestione delle acque meteoriche di dilavamento e autorizza l’installazione di nuovi impianti di smaltimento e recupero dei rifiuti. Sono inoltre ridefiniti i livelli di guardia, le garanzie finanziarie e l’elenco dei rifiuti conferibili in discarica.

La discarica di Bossarino  è autorizzata alla raccolta di rifiuti speciali non pericolosi e con elevato contenuto sia di rifiuti organici o biodegradabili, con recupero di biogas, sia di rifiuti inorganici. La discarica, in attività dal 1986, è stata autorizzata, in vari anni, all’accumulo di una volumetria complessiva di circa 3,3 milioni di metri cubi di rifiuti, una capacità che oggi appare quasi esaurita. Di qui il progetto di ampliamento sul versante est della collina, che consentirà la prosecuzione dell’attività per altri 9 anni grazie ad un incremento di capacità pari ad oltre 1,1 milioni di metri cubi.

In particolare, in una prima fase è previsto l’ampliamento, con allestimento di una nuova vasca alla base dell’attuale discarica, nel settore Sud/Ovest per una volumetria di 514.100 mc. La seconda fase prevede l’allestimento di una nuova vasca a Est della discarica esistente, verso il lato del rio Tana, con un incremento di volumetria pari a 606.200 mc. Questa seconda fase potrà avere inizio soltanto una volta decaduto il vincolo sulle aree percorse dal fuoco (inizio 2022).

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: