Attualità

CIE: non ad Albenga ma dove potrebbe creare opportunità economiche…

Si continua a ipotizzare l’istituzione di un CIE – Centro di identificazione e di espulsione – ad Albenga, data la vicinanza con l’aeroporto, nel contesto dello stabilimento di un CIE in ogni regione.

L’ex Caserma Piave, che era considerata una sede adatta, è da escludere possa avere tale destinazione, visto che la Cassa Depositi e Prestiti, proprietaria del sito, guarderebbe a ben altri progetti per quelle aree, ovvero la realizzazione di strutture alberghiere per il rilancio turistico di Vadino, intervento valutato in 50 milioni di euro e comprendente importanti lavori di messa a regime di acque fluviali.  Se il Sindaco di Albenga, Giorgio Cangiano, ha già espresso la propria ferma opposizione, anche dalla Minoranza di centrodestra emergono posizioni affini, pur senza pregiudizi per l’istituzione del Cie, non però ad Albenga. Verrebbe avanzata l’ipotesi dell’ex polveriera di Campochiesa d’Albenga, struttura di proprietà demaniale che potrebbe essere, senza difficoltà, trasformata in un Centro di Identificazione ed Espulsione  ed il Comune, quanto meno dal lato normativo, potrebbe avanzare ben poche prorogative per opporsi. Massimiliano Nucera, infatti, consigliere, dal 2016, del “gruppo misto”, così si esprime: “In merito alla polemica di questi ultimi giorni riguardante la possibilità che sia previsto in Albenga un Centro di Identificazione ed Espulsione penso siano d’obbligo alcune elementari considerazioni. La localizzazione di una struttura del genere obbliga ad analizzare le realtà nelle quali si va ad inserire considerando le economie esistenti consolidate ed evitare di compromettere equilibri economici e sociali. Le considerazioni fin qui esposte sono di una ovvietà disarmante, oserei dire elementari”. 

“È per questo che mi chiedo come possa venire in mente ad un qualunque funzionario o dirigente del ministero o ad un qualsiasi politico di pensare ad Albenga per la realizzazione di un CIE. Allora proviamo a dare una risposta a delle domande:

1. Si ritiene che una qualunque città ligure prospettante sul mare possa accogliere un CIE? Le città costiere liguri vivono di turismo e non credo che un CIE sia compatibile con l’industria turistica.

2. Il mercato immobiliare della seconda casa crea una economia importante per le città costiere liguri? Certamente l’inserimento di un CIE comprometterebbe i valori degli immobili poiché gli investitori andrebbero sicuramente ad operare altrove.

3. Le aree ipotizzate, caserma Piave o Polveriera, sarebbero logisticamente idonee?
La Piave è in centro città è un CIE provocherebbe inevitabilmente disagi e tensioni sociali; la Polveriera è situata a poche centinaia di metri dalla frazione di Campochiesa e anche qui si creerebbero disagi e tensioni sociali. Fatte queste considerazioni, che io farei salve non solo per Albenga ma per tutte le città costiere proviamo a pensare dove un CIE potrebbe diventare una occasione economica occupazionale e di recupero urbanistico.

4. Esistono aree industriali dismesse dell’entroterra ligure che potrebbero essere convertite?

5. Esistono realtà che vivono un momento di crisi occupazionale e che potrebbero avere la necessità di vedere inserite attività che portino posti di lavoro come potrebbe essere un CIE?

Ecco… basterebbe seguire questo schema logico ed ecco che in Liguria vengono in mente almeno 3/4 zone depresse dove un CIE potrebbe diventare una occasione economica importante anziché un problema” 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: