Attualità

Area di crisi complessa: sino a settembre si potranno inoltrare le domande di contributo

Da lunedì prossimo, 2 luglio, a partire dalle ore 12,00,e sino a lunedì 17 settembre, le imprese interessate potranno presentare domanda di partecipazione al bando di Invitalia sugli aiuti agli investimenti effettuati nell’Area di crisi complessa del Savonese. Il bando ha una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro, disposta dalla legge 181/1989 per il rilancio delle aree industriali, che prevede finanziamenti per investimenti di almeno 1,5 milioni di euro di spesa.

I benefici riguardano parte del territorio della provincia di Savona (l’intera Valle Bormida e i Comuni di Vado Ligure, Quiliano e Villanova d’Albenga), dove sarà attuato il “Progetto di riconversione e riqualificazione industriale dell’area di crisi industriale complessa”, mirato alla promozione di iniziative imprenditoriali per la riqualificazione del tessuto produttivo esistente, l’aggregazione delle piccole medie imprese e la loro collaborazione con le grandi imprese, la realizzazione di nuovi investimenti di diversificazione produttiva, il potenziamento della logistica connessa alle attività portuali e il reimpiego dei lavoratori.

Le iniziative imprenditoriali, per poter godere della concessione dei contributi, devono promuovere la realizzazione di programmi di investimento produttivo in obbedienza alla norme di tutela ambientale, eventualmente integrati da progetti per l’innovazione dell’organizzazione. Inoltre devono rispettare il crierio dell’incremento o del mantenimento del numero degli addetti dell’unità produttiva (in quest’ultimo caso l’impresa oggetto dell’investimento deve risultare attiva da almeno un biennio). Non sono ammissibili le iniziative imprenditoriali che prevedono la diminuzione del numero degli addetti. Le agevolazioni sono concesse sotto forma di contributo in conto impianti, nella misura del 50% degli investimenti ritenuti ammissibili.

Oltre ai 20 milioni della legge 181, altri 25 milioni saranno stanziati dalla Regione Liguria. Va ricordato che alla manifestazione di interesse finalizzata a far emergere le possibili iniziative di investimento sul territorio dell’area di crisi complessa avevano risposto, lo scorso anno, 123 aziende, disponibili ad attuare investimenti per 700 milioni di euro, in grado di creare quasi 1.800 posti di lavoro aggiuntivi, assicurando una crescita intorno al 15-20% dell’occupazione industriale della provincia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: