Attualità

Mercato a Savona, da lunedì 9 luglio si ricolloca

Dopo trent’anni, a partire da lunedì 9 luglio, le bancarelle del mercato settimanale di Savona abbandoneranno gli spazi del grande parcheggio sulle aree del quale, sino agli anni Settanta, si estendevano gli impianti della stazione ferroviaria e si sposteranno verso il centro cittadino. La nuova collocazione sarà diffusa tra via Sormano, via Montesisto, piazza del Popolo lato monte, via Monti, via Brusco, piazza del Popolo lato mare, via Rella, via Astengo, nel tratto tratto compreso tra Piazza del Popolo e Corso Italia, via Guidobono, tra piazza del Popolo e corso Mazzini, via Verzellino, nel percorso compreso tra via XX settembre e via Manzoni, corso Italia, nel tratto tra via Paleocapa e piazza Giulio II.

L’area del mercato sarà suddivisa, ed è una novità, per settori merceologici: settore alimentare in piazza del Popolo lato monte; settore fiori piazza del Popolo nel tratto compreso tra via XX Settembre e via Guidobono; settore non alimentare merci varie nelle restanti aree. Lo spostamento, da anni allo studio dell’amministrazione comunale, è giustificato con un complesso contenzioso sulla titolarità delle aree che, ad eccezione della giornata di lunedì, è utilizzato come parcheggio gestito da Ata per conto del Comune. Va inoltre incontro alle aspettative degli ambulanti, che vanno ad occupare le zone più “cittadine”, frequentate maggiormente dai passanti.

“Lo spostamento del mercato di Savona non mangia posteggi auto, ma anzi ne libera un migliaio, quelli che continueranno ad essere disponibili nel parcheggione anche al lunedì” così si è espresso Giulio Rossi, presidente di Anva Liguria, l’associazione degli ambulanti di Confesercenti. “Con questo spostamento – ha inoltre affermato – abbiamo colto l’occasione per riordinare il mercato: chi ha più licenze ne tiene una e l’altra la lascia al Comune, che in parte le cancella e in parte le mette nuovamente a bando. Alcuni operatori hanno accorpato due posteggi in uno solo, cedendo il 20% della metratura totale”.

Diverse le novità operative. Scompariranno i generatori di corrente, troppo rumorosi per essere usati nelle strade, ognuno dovrà tenere il proprio furgone all’interno della piazzola destinata, senza occupare altri spazi, e mantenendo libero lo spazio di accesso a portoni e cortili. Ogni via occupata dal mercato sarà comunque percorribile dai mezzi di soccorso. Un’adeguata campagna di informazione verrà lanciata per evitare il ricorso alle rimozioni di automobili e motociclette.” Stiamo anche cercando di metterci d’accordo con il Comune per l’orario di chiusura del mercato, insomma stiamo facendo molto, la stampa locale ha pubblicato quello che gli serviva per vendere il giornale, senza pensare che certe frasi ci mettono solo in contrasto con la cittadinanza” così ha ancora precisato il presidente Rossi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: