Attualità

No trasversale al CIE ad Albenga

Sabato scorso, 30 giugno, all’Auditorium San Carlo di Albenga, si è parlato, nell’assemblea pubblica che il Sindaco di Albenga, Giorgio Cangiano, ha fortemente sostenuto, dell’eventualità, avanzata da qualche tempo, dell’apertura, in città, di un CIE – Centro di Identificazione ed Espulsione -. Hanno partecipato all’assemblea  i consiglieri comunali, non quelli della Lega, in trasferta a Pontida, Sindaci del comprensorio, il consigliere regionale De Vincenzi, il deputato, vicepresidente della Commissione Giustizia, Franco Vazio. Il Sindaco Cangiano ha proposto di prendere una posizione chiara, a livello comprensoriale, sullo spinoso problema dei CIE, precedendo una presa di posizione ufficiale da parte del Governo sullo stabilimento del centro.Sinora, tranne una dichiarazione del Presidente della Regione, Toti, la trasformazione in – Cie – dell’ex caserma Piave o dell’ex polveriera di Campochiesa, data la vicinanza dell’aeroporto di Villanova, è una semplice ipotesi. Il Sindaco Cangiano ha comunque riaffermato la propria contrarietà alla apertura di un Cie, stante  la situazione, già difficile, in cui si trova Albenga, a causa della presenza di numerosi stranieri irregolari. Ha chiesto una presa di posizione definitiva, in tale senso, per essere chiari nei confronti dei cittadini. Comunque la contrarietà allo stabilimento di un Centro di identificazione ed espulsione pare essere unanime, anche da parte degli altri sindaci del comprensorio, compreso Marco Melgrati, il sindaco appena rieletto di Alassio, che già aveva espresso il suo pensiero; “Caro Giovanni Toti, non se ne parla nemmeno, –  si era espresso Melgrati – un’idea che ha alla base due fattori, l’esistenza di una struttura (l’ex caserma Piave) e la vicinanza di un aeroporto (il Panero di Villanova d’Albenga). Piena solidarietà al sindaco di Albenga Giorgio Cangiano. A due giorni dalla nomina del neo ministro degli interni Salvini appare strano che, invece di parlare di pesante riduzione degli arrivi, si possa anche solo ventilare una possibile trasformazione della Caserma Piave in un centro di accoglienza”.

Melgrati ha ora proposto che ogni comune riunisca un consiglio comunale per approvare un ordine del giorno che manifesti la presa di posizione del territorio. L’idea del sindaco di Alassio è stata condivisa, tanto che si pensa alla stesura di un documento che possa venir condiviso da tutti i consigli comunali della Provincia di Savona.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: