AttualitàEconomia

Giovani e lavoro – Disoccupazione in crescita

Secondo gli ultimi dati forniti dall’Istat, si registra una diminuzione del tasso di disoccupazione generale che scende al 10,9% rimanendo però ai primi posti della classifica in Europa. Difatti, il Codacons ha affermato: “Pur in presenza di un calo della disoccupazione al 10,9% a febbraio, l’Italia risulta essere il terzo paese d’Europa con il tasso di disoccupazione più elevato – afferma il presidente Carlo Rienzi – Peggio di noi fanno solo Grecia e Spagna, con un tasso di disoccupazione
rispettivamente del 20,9% e del 16,3%. Sul fronte del lavoro il nostro paese è lontanissimo dalla Germania dove la disoccupazione si ferma al 3,6%, e da nazioni virtuose quali Repubblica Ceca (2,4%) e Malta (3,5%). Di questo passo per tornare ai livelli occupazionali precrisi, all’Italia serviranno almeno altri 10 anni, considerato che nel 2007 il tasso di disoccupazione nel nostro paese era fermo al 6,1%”. Ma i dati più preoccupanti riguardano una particolare categoria, i giovani. Infatti, nell’ultimo mese, il tasso di disoccupazione giovanile è aumentato al 32,8% escludendo da questa analisi i giovani “inattivi”, cioè coloro che non hanno un posto di lavoro e non lo cercano. Il periodo di transizione tra scuola e lavoro è un intervallo particolarmente complesso per i giovani. Il
fenomeno della disoccupazione ha una forte articolazione e stratificazione interna in relazione al sesso, all’età, alla collocazione geografica, ai livelli di qualifica professionale. La transizione può essere analizzata dal punto di vista socio-psicologico, come la sede di fenomeni di cambiamento
che possono essere più o meno rilevanti a seconda del modo con cui sono percepiti e vissuti dal soggetto. Per i giovani che lasciano l’ambiente formativo tali cambiamenti riguardano la
propensione a costruire un’identità soddisfacente in rapporto ai ruoli adulti. Quandi, avere un lavoro può essere concepito dai giovani come un’opportunità per poter essere finalmente se stessi. Nella fase di passaggio dal ruolo di studente a lavoratore è possibile vi sia la presenza di un “effetto
sorpresa” da parte del giovane oppure il disagio, la precarietà, la delusione di un’esperienza frustrante e poco dominabile del soggetto. Quest’ultimo caso, può portare all’inattività volontaria come anche la continua difficoltà di trovare un lavoro. Lo scoraggiamento non è uno stato psicologico che appare improvvisamente e che comporta una rapida uscita dal mercato; è, invece, uno stato che contempla varie possibili gradazioni di comportamento, un processo il cui risultato
finale può anche essere l’uscita dal mercato. Rimane sempre grave l’emergenza sociale di alcune generazioni che rischiano di incontrare troppo tardi un lavoro stabile in cui poter realizzare una propria identità sociale e professionale. Il lavoro rimane un elemento centrale nelle esperienze di
vita dei giovani; se la ricerca di un’occupazione che consenta di uscire dalla famiglia si prolunga oltre quanto è accettabile per l’ambiente in cui vive, il giovane può subire una situazione di grave disagio psicologico. Il ritardo nell’acquisire l’indipendenza economica dalla famiglia rischia di Di chi è la colpa? C’è chi punta il dito contro le scuole e le università considerate troppo “dispersive”, chi contro i governi precedenti, chi contro le aziende per essere troppo pretenziose, chi dà la colpa alla crisi economica e chi considera i giovani eccessivamente pigri. Oppure un insieme
di tutti o alcuni di questi fattori. Sono sicuramente necessarie politiche del lavoro più efficaci che permettano un miglior incontro tra domanda e offerta, da una parte incentivando (con sgravi fiscali e contributivi significativi) le aziende ad assumere giovani e dall’altra a incoraggiare questi ultimi
alla ricerca attiva e costante di un impiego.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: