Attualità

Festa del grano a Cairo Montenotte

Cairo Montenotte ha celebrato ieri, sabato 28 luglio, la prima “Festa del Grano”, con l’intento, e con un po’ di nostalgia, di rievocare le passate radici agresti del territorio e ricordare la mietitura del grano nei suoi aspetti di festa, oltre che di lavoro agricolo, e di ritualità, come avveniva un po’ ovunque in Italia ed in Europa. Piazza della Vittoria èdiventata un’ ampia “aia” agricola dove è stata eseguita la trebbiatura del grano con i suoi odor e sapori, accompagnata da canti e usanze della vecchia tradizione contadina e popolare.

La manifestazione, organizzata dall’Amministrazione comunale, si è svolta in collaborazione con la Pro Loco. Tra le finalità della festa rientra la volontà di coinvolgere le giovani generazioni nello scoprire il senso dell’appartenenza al territorio, di conoscerne la storia, di muovere la cusriosità a scoprire antichi stili di vita, usanze e consuetudini, eadialogare con il mondo di ieri, ritrovandovi i ricordi tramandati dai nonni e dai padri.

Il programma della “Festa del Grano” ha avuto inizio alle 16.00 con “Cairo Sopra le Righe”, itinerari guidati nel centro storico con merenda finale; dalle 16,30 alle 19.00 sono stati attivi i laboratori didattici per bambini a cura del Centro di Educazione Ambientale; alle 18,30 la trebbiatura del grano, a cura dell’azienda agricola Fratelli Rizzo, con esposizione di trattori d’epoca; alle 20.00 la cena del contadino, aperta a tutti, e alle 21 il concerto del gruppo folkloristico “Le Mondine”.

Nel nostro mondo che si professa “tecnologico” ma che riscopre, giorno dopo giorno, il valore della terra su sui si vive e si respira, assumono particolare valore e significato gli aspetti della vita di campagna di un tempo; una vita spesso dura, non illudiamoci – come forse qualcuno, un domani, riterrà dura la nostra – ma legata di più a quell’ambiente che ora è in primo piano e che si vuol proteggere a norma di legge, ma l’ambiente va vissuto e non considerato ala stregua di un antico strumento agricolo da conservare in un museo e non dimentichiamo che tuttora, per vivere, ci nutriamo dei sempre attuali frutti della terra!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: