Attualità

La festa dei S.S. Anna e Gioacchino in Cadibona

E’ stata veramente una serata speciale per la Confraternita di Sant’Agostino e Santa Monica quella svoltasi giovedì 26 luglio a Cadibona (Quiliano)per la tradizionale Festa patronale di Sant’Anna e San Gioacchino. L’atmosfera giusta con Don Marco Fossile a presiedere da gran cerimoniere la funzione religiosa e la Messa solenne cantata magnificamente grazie all’appoggio del Coro polifonico di Altare. Una sequenza che per intensità, per qualità delle voci, per  devozione autentica sarà impossibile da dimenticare. Il momento più toccante è avvenuto durante l’omelia di Don Marco che ha illustrato la storia dei 2 santi celebrati, tanto importanti quanto sconosciuti. Paradossalmente delle due figure così fondamentali nella storia della salvezza non vi è alcuna traccia nei Vangeli canonici. Di loro viene trattato ampiamente nel Protovangelo di S. Giacomo, un vangelo apocrifo del II secolo. Le elaborazioni posteriori di tale documento aggiunsero via via altri particolari, che soltanto la devozione andava dettando. San Gioacchino , padre di Maria , era un anziano pastore/sacerdote che risultava sterile  e quindi impossibilitato ad avere figli ( per quell’epoca pertanto risultava individuo scartato da Dio e dagli uomini). Sant’Anna , di età avanzata, non aveva le proprietà tipiche della procreazione e nonostante tutto la coppia ebbe una figlia di nome Maria (che vuol dire “amata da Dio”) che avrebbe cambiato, con la maternità di Gesù, la storia del mondo non solo Cristiano. Dopo la Messa si è snodata per le vie del paese la Processione (tragitto tra la Chiesa Parrocchiale e via Abrani dalla “Torre”) composta dagli stendardi delle Confraternite e da 4 Cristi lignei portati da anime devote e affaticate dal caldo e  stremate dalla difficoltà dell’equilibrio sempre precario nel procedere. Successivamente seguiva Don Marco in testa affiancato dal priorato Diocesano, rappresentato dalla Milly Venturino e da Mario Spano , e dai confratelli Renato Italo De Feo e Felicino Vaniglia con le loro cappe bianche quali “ali” simboliche della cerchia, Per ultima la statua lignea (cassa) rappresentante Sant’Anna e San Gioacchino trainata,tra altri, dai nostri Camillo Bozzano e Luca Aliprandi. Il rosario, i canti, i passi delle letture sacre, circondati da verde natura, dal canto delicato di uccelli , le finestre aperte con i curiosi a far capolino e un lontano treno sbuffante a riportarci ai nostri giorni. “Ci siamo sentiti nella storia, nella tradizione e fieri di essere vivi e presenti” le parole toccanti del priore Ugo De Crescenzo .Per finire dopo la benedizione eucaristica, un momento conviviale nei locali dell’asilo dove si sono visti sorrisi, volti sereni, voglia di vivere momenti semplici che sembravano persi per sempre.Un momento di arricchimento, di socializzazione e tanta allegria che hanno sfiorato la goliardia.Grazie ridente e magica Cadibona per un giorno ci hai ritrovare il bambino interiore che è in noi.

Ecco l’elenco delle Confraternite partecipanti chiedendo anticipatamente “venia” per eventuali involontarie dimenticanze :

1) Confraternita dei SS. Anna e Gioacchino in Cadibona
2) Confraternita di Stella San Martino.

3) Confraternita di S. Rocco e N.S. della Croce in Castagnabuona

4) Confraternita   di Arenzano

5) Confraternita della Val Bisagno

6) Confraternita di Savona Lavagnola

7) Confraternita di Savona SS.Trinità

8) Confraternita di Savona San Giovanni e Petronilla

9) Confraternita di Savona Cristo Risorto

10) Confraternita di Savona  Sant’Agostino e Santa Monica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: