Attualità

Winston Churchill, storia di un politico, storico, giornalista e militare britannico

Una figura da gigante che ha cambiato, dominato, scritto, la storia del xx sec. Nasce nel 1874 vicino a Oxford da famiglia nobile , legato da parentela con la principessa Diana, con parenti ovunque pure in Italia (Guicciardini) La madre Americana anticonformista è parente con Roswelt e Lenin. Una vita lunga vissuta intensamente, sempre sotto i riflettori, ha vissuto e influenzato due Guerre Mondiali. Indisciplinato a Scuola , nel 1893 entra in Accademia Militare, dove si trova a suo agio, bravo in tutto specie in equitazione. Viene mandato a Cuba come corrispondente durante la guerra di indipendenza dalla Spagna e lì comincia ad apprezzare i sigari che diventeranno suo simbolo, insieme alle due dite a V “vittoria”. Partecipa in Sud Africa alla guerra angloboera, fatto prigioniero, incarcerato a Pretoria, riesce a fuggire in modo rocambolesco e raggiunge la fama, nel 1900, entra in politica. Meticoloso nel suo fare come nel suo dire “ per preparare un discorso di 1 ora servono 2 giorni, per un discorso di un’ora e mezza serve una settimana, per un discorso di 5 minuti serve un mese”. Anticonformista, alla Camera dirà“ non mi pare necessario inasprire le pene per bigamia, ”bastano due suocere”. Oratore, pronto alla battuta sagace e bravo scrittore fino al Nobel, domina la scena per oltre 60 anni. Chissà che successo oggi avrebbe avuto con i twitter. Fa presto carriera, da artefice influisce per la realizzazione degli uffici del lavoro, del salario minimo, delle 8 ore giornaliere di lavoro, istituisce la pensione di reversibilità, assicurazione statale, case popolari con soldi recuperati da tasse su gioco d’azzardo, carburante, riducendo le spese dello Stato, tasse basse. Ecco una frase in merito: ”Arricchire un uomo con le tasse è come alzare un secchio quando ha un piede dentro” Quando i minatori del Galles entrano in sciopero, evita l’intervento della polizia, andando a trattare con loro e risolve. Nonostante ciò è un uomo che sa farsi nemici (sterilizzare i disabili psicofisici ) e soprattutto nemiche (contrario al voto alle donne). Si professa ateo: ”La religione è un narcotico per il popolo”, “l’Islam è pericoloso come la rabbia per i cani”. Per lui è un  rito bere e fumare. Una volta alticcio alla Camera, viene redarguito da una laburista, “sei disgustosamente ubriaco”. La sua  risposta fu “Sì ma io domani sarò sobrio, tu sei e resterai disgustosamente brutta”. Aumenta la produzione militare rifornendo anche l’Italia dopo Caporetto. Con Italia non molto tenero ”Italiani, perdono le guerre come partite di calcio e le partite di calcio come le guerre”. Nel 1919 lui anticomunista viscerale “il Bolscevismo va strangolato nella culla “. Quale Ministro delle Colonie, traccia i confini in Medio Oriente che resistono ancora adesso, ma. non risolve i problemi tra Israele e Palestina e dell’India. Di Gandhi dice“è un sedizioso avvocato inglese, se fa sciopero della fame lasciatelo morire”. Un’altra deputata gli dice “se fossi tua moglie, ti metterei il veleno nel caffè”, e lui di rimando ”con una moglie come te lo berrei”. Nel 1930, in Europa arriva un altro spettro, Hitler. Lui istintivamente capisce il pericolo, vede in lui una figura demoniaca, cerca di contrastarlo, quale Ministro della difesa, ammoderna tutte le Forze Armate e lo combatterà sino alla vittoria. Quando Hitler invade la Cecoslovacchia, unico contrario. dice ”potevamo scegliere disonore o guerra, scelto disonore ed avremo anche la guerra”. Il 20 agosto 1940, da 1°Ministro dirà “ avremo guerra in terra, in mare ed in cielo, prometto sangue, fatica e lacrime per lunghi mesi, sino alla vittoria”. “ Non si può trattare con una tigre, se hai la testa nelle sue fauci”, ”vedo una sola opportunità: la vittoria, bisogna resistere” e così sarà. Ciliegina sulla torta convincere Roswelt ad entrare in guerra e pur essendo profondamente anticomunista cerca aiuto anche in Urss. Sarà poi lui nel 1946 a coniare il termine “cortina di ferro”. Da Premier nel 1951 riduce lo stipendio ai Ministri. Nel 1953 dopo una cena con De Gaspari sarà colpito da ictus. Rimessosi, passa molto tempo in Costa Azzurra. Nel 1965, muore a 90 anni. Al suo funerale parteciperanno rappresentanti di 112 paesi e 350 milioni di persone in TV. Finisce così una epoca anzi, una epopea.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: