Cultura e Musica

Andora -Domani Marco Francalanci ospite di “Sotto l’Archetto”

Marco Francalanci ospite di Sotto l’Archetto 2018. Il giornalista e scrittore genovese sarà protagonista della quinta serata della nuova edizione di “Sotto l’Archetto”, rassegna di presentazioni estive frutto della collaborazione tra il giornalista Cristiano Bosco, l’agenzia Mway Communication & Events di Mattia Righello e il Comune Andora.

Domani alle 21.15, nella suggestiva location di piazza Santa Rita/Parco degli Aviatori ad Andora, proseguono gli incontri estivi, con la partecipazione di Marco Francalanci, che presenterà “La Busta Gialla” (2017, edizioni del Capricorno), intervistato da Luca Valentini.

LA BUSTA GIALLA
Una storia vera, perché volte la realtà storica supera qualsiasi romanzo. Dopo una visita dal fisioterapista, il settantenne Marco scopre di esser stato sottoposto a una serie di punture lombari. Lui non ricorda nulla di questa procedura dolorosa, e interroga la madre Paola, che gli rivela l’esistenza di una busta gialla piena di documenti e lettere risalenti alla seconda guerra mondiale.

Un vero e proprio vaso di Pandora, che ci porta indietro nel tempo nella Genova del 1944 occupata dai nazisti. Paola è una ragazza piena di vita, che nonostante i bombardamenti ha il coraggio di costruire una vita insieme a Luigi, soldato smobilitato e operaio in una fabbrica tedesca. Luigi rischia la deportazione in Germania, e Paola, incinta di Marco, affronta Georg Fischer, alto dirigente della Gestapo, che forse per uno scrupolo di coscienza, forse per calcolo, strappa la cartolina che potrebbe condannare Luigi alla morte in un campo di lavoro tedesco. Un lieto fine, ma solo temporaneo: a pochi mesi di vita, Marco si ammala di una grave forma di meningite ed è di nuovo la volitiva Paola che gira la città alla ricerca di un medico che possa guarire il suo bambino. Incontrerà il professor Giovanni De Toni, primario dell’ospedale Gaslini, che riuscirà a guarire Marco iniettandogli con punture lombari un farmaco sperimentale tedesco, recuperato da Luigi in una frenetica corsa contro il tempo per le farmacie della città. Marco si salva, la guerra è finita e a Genova i tedeschi si arrendono ai partigiani, e quando tutto sarà finito Paola scoprirà che il medicinale che ha salvato Marco è stato sperimentato anche sui prigionieri dei campi di sterminio.

Marco Francalanci, giornalista, nel 1966 viene assunto dal Secolo XIX, dove fa espe­rienza in vari reparti della redazione. Diventa capocronista nel 1978, negli anni più difficili del terrorismo brigatista e di quello neofascista. Dal 1980 è responsabile della pagina degli Esteri. Inviato speciale in occasione di numerosi avvenimenti che hanno segnato la politica internazionale (vertici USA-URSS a Ginevra, inchieste sugli euromissili, caduta del Muro di Berlino), nel 1990 passa a La Repubblica come capocronista dell’edizione di Torino. Dal 2002 a riposo, ha pubblicato numerosi reportage su Il Secolo XIXRepubblicaTuttolibri e il settimanale Oggi.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: