Cultura e MusicaPersonaggiRubriche

L’INTERVISTA. A tu per tu con “KK”, artista riferimento di una nuova generazione che rompe gli schemi

Le sonorità della giovane promessa della trap music di stampo italiano Klaudio Marku, in arte KK, nasce tra le strade della periferia di Savona e si afferma rapidamente sulla striscia di costa tra Genova e il capoluogo di provincia ligure.

Nato in Italia, ma legato a Shkoder (Scutari), città artistica considerata la Firenze dell’est dove ha importato i suoi successi, Klaudio ha già le idee chiare: diventare uno dei nuovi volti della trap italiana, genere viral e ora più che mai in vetta alle classifiche musicali. “Missione non semplice, la concorrenza è tanta”, spiega il giovane rapper. “Voglio portare i problemi dei ragazzi come me all’attenzione di tutti”.
“NaNaNA” vanta la collaborazione di Riccardo Metani in arte “Meta” nelle vesti di Beatmaker e Bruno Bogliolo in arte Willy Rock come Sound Engineer, che si occupa di produzione e post-produzione. Insieme a KK, hanno puntato sul rinnovamento di sonorità in auge, con l’obiettivo di anticipare mode future e reinventare il concetto stesso di trap. Compito non semplice, ma certo facilitato dalla giovane età dei ragazzi.

L’ultimo lavoro di KK è stato un successo. In poco tempo ha raggiunto 4K visualizzazioni su YouTube e ha spopolato sui social. Quando e come nasce l’idea di “NaNaNa”?

Il singolo è uscito su YouTube il 7 luglio, ma l’idea è precedente alla stagione estiva: nasce dalla voglia di realizzare un pezzo capace di racchiudere l’essenza dell’estate per i giovani delle mie parti; un brano capace di trasmettere un senso di spensieratezza, leggerezza e freschezza. Il testo è molto semplice e facile da ricordare, il beat allegro e melodico. Questo perché in estate i ragazzi hanno bisogno di staccare la spina, godersi le vacanze, le giornate con gli amici, dedicarsi alla famiglia e seguire i propri sogni. Con il videoclip abbiamo cercato di mantenere coerenza ed uniformità, cercando di trasmettere le stesse sensazioni e le stesse emozioni con immagini colorate e riprese dinamiche.

Risultato?
Sono soddisfatto, siamo soddisfatti. Una delle difficoltà maggiori è stata l’organizzazione delle riprese, ma il risultato è stato molto professionale e di qualità, sicuramente qualcosa di nuovo a Savona.

Legato all’alternative rap della trap – sottogenere dell’hip-hop che in Italia trae ispirazione dall’equivalente oltreoceano degli anni Duemila per poi approdare a una dimensione propria – KK si è ritagliato (letteralmente) un posto al sole grazie al successo di “NaNaNA”, singolo estivo dai toni leggeri e sbarazzini, come evidenziato dal titolo, sia dal punto di vista musicale sia testuale.
“NaNaNA” è una scommessa per l’artista, che decide di dare al suo genere di partenza caratterizzato tanto da testi riflessivi quanto da suoni duri e minimali una veste decisamente più fresca e vicina alle sonorità Pop dei tanto amati e odiati tormentoni estivi. Fresh, appunto, è la parola chiave che spopola nel mondo della trap di nuova generazione.
Il videoclip di “NaNaNa” segue questa intenzione: girato nella cornice di una location estiva dai toni caldi e dai colori vivaci, con uno storytelling divertente e spensierato, richiama alla stagione estiva pur senza stravolgere le caratteristiche proprie dell’artista e del genere trap.

Quando sei entrato nel mondo della musica, hai incontrato ostacoli?
Fare musica significa lanciarsi a occhi chiusi in una grande sfida. Io ero cosciente del fatto che presto mi sarei ritrovato di fronte a grandi difficoltà. Ci sono amici, ma anche nemici.
Nel mio caso gli ostacoli ci sono stati ancor prima di entrare nel mondo della musica, e più ti addentri e più questi diventano pesanti. All’inizio sei uno sconosciuto qualsiasi, con una penna in mano, un pezzo di carta da riempire con rime su te stesso, e nulla di più. Ti trovi spaesato. Sono in pochi a credere in te e devi scontrarti con la grande barriera psicologica del doverti mettere a nudo per lanciare sul mercato i tuoi lavori. Ho dovuto diventare invulnerabile alle critiche negative e agli insulti degli haters e di chi non ti vuole più vedere su un palco.
Ho avuto la grande fortuna, tuttavia, di avere fan meravigliosi, che mi supportano e che mi motivano. Ora la fan base si sta allargando sempre di più e sta coinvolgendo soprattutto le fasce dei ragazzi più giovani, che sempre più spesso mi fermano per strada per salutarmi o per chiedermi un selfie.

Comunque sia, la strada che devo fare è ancora molto lunga e ardua; mi trovo solamente al primo gradino di una scalinata molto ripida e difficile, però con il duro lavoro, con le idee chiare e con grossi sacrifici si possono ottenere risultati importanti.

“Storia” è un altro successo di KK, in cui si parla dei giovani, dei problemi legati a un’adolescenza difficile, ma si parla anche di sogni.
“Storia” è un’illuminazione, nasce da alcune frasi scritte sul retro della copertina del mio diario di scuola durante una lezione; ero arrabbiato e in pochi minuti avevo buttato giù l’intero pezzo. Credo che il rap sia anche questo: improvvisazione e ispirazione. “Storia” parla della mia attuale situazione scolastica e della mia voglia di spaccare il mondo, e nonostante sia un pezzo molto autobiografico, in realtà molti ragazzi si sono rispecchiati in queste parole. Ho trovato grande supporto da parte dei miei fans che mi hanno taggato moltissimo nelle loro storie Instagram, e ho visto come cantavano in modo sentito queste parole, proprio come se stessero parlando di loro stessi. E questo è veramente bello perché ci accomuna nei problemi e nelle difficoltà odierne e giornaliere. Alla fine siamo giovani ragazzi che hanno voglia di dimostrare il loro valore al mondo intero, che hanno la voglia di rompere gli schemi e le regole convenzionali, che hanno voglia di cambiare tutto quello che non funziona, prendendosi le proprie responsabilità e i propri meriti.

Quanto è importante la famiglia in questo percorso?
Per me la famiglia è tutto, è la cosa più importante che esista. Tutto ciò che faccio è dedicato principalmente a loro. Insieme a mio fratello, sono proprio i i miei primissimi fan, che mi supportano ogni giorno e che mi motivano a dare il meglio di me stesso in ogni situazione. L’educazione e la mentalità che ho derivano da tutto ciò che mi hanno trasmesso nel corso degli anni, non solo con le parole ma principalmente con l’esempio e con le azioni concrete. A loro dico grazie di tutto.

Nei tuoi lavori alterni parti molto autobiografiche e soggettive ad altre collettive, come quelle provocatorie di “NaNaNa”.
I miei pezzi sono solitamente molto autobiografici. Penso che un artista debba prima esprimere se stesso raccontando l’universo che ha ritrova dentro per poter essere compreso da chi ascolta, altrimenti è una forzatura. Molto spesso i miei fan si rispecchiano in quello che dico, altre volte racconto di cose che riguardano solamente me stesso e la mia personalità. In questo ultimo caso l’intento è quello di colpire e meravigliare, raccontando situazioni non ordinarie che non rispettano le regole, che sono al limite e che stanno sempre un po’ sopra le righe. In ogni mio testo c’è sempre spazio, tuttavia, per il mio team, i miei compagni di avventure che mi seguono ovunque io vada. Senza il loro supporto non sarei qui.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: