Attualità

Quasi al via la vendemmia in Liguria

L’uva è sui filari ed attende di essere tagliata, così come le botti sono pronte per essere riempite e la vendemmia del 2018, in Liguria ì, secondo le condizioni climatiche dei prossimi giorni, inizierà entro i primi dieci giorni del mese di settembre.

Lo rende noto Coldiretti Liguria precisando che, rispetto al 2017, quando, per il caldo e la siccità, la raccolta dell’uva era stata anticipata ad agosto, l’annata 2018 appare più equilibrata, con un quantitativo d’uva maggiore, soprattutto per la varietà del Vermentino.

La vendemmia 2017 aveva complessivamente raccolto circa 145.078 quintali di uva ,da cui erano stati tratti 75.708 ettoliagricoltura crisitri di vino, di cui 37. 951 solo nella Provincia di La Spezia. La Liguria non è notissima nel settore vinicolo, per quanto i vini liguri si stiano sempre più affermando e si stiano “facendo strada”, sono conosciute però le modalità di contivazione della vigna che, specie nello spezzino, avviene utilizzando impervi terrazzamenti a picco sul mare. I vini liguri possono comunque contare ben 8 DOC ovvero Golfo Tigullio / Portofino DOC, Colline di Levanto DOC, Cinque Terre / Sciacchetrà DOC, Colli di Luni DOC, DOC Valpolcevera, Riviera Ligure di Ponente DOC, Ormeasco di Pornassio DOC e Rossese di Dolceacqua DOC; sono inoltre censite 4 IGT: Colline Savonesi, Colline del Genovesato, Terrazze dell’Imperiese, Terre di Levante; per l’annata 2017, dei 75.708 hl di vino prodotti, 32.327 ettolitri di vino sono stati etichettati come Doc e 13.936 ettolitri come IGP.

Si ritiene che il raccolto per l’annata 2018, a giudicare dall’osservazione dai grappoli per pianta, comporti una maggiore spremitura e pertanto una più cospicua produzione di vino, e si punta sulla conferma della qualità, che garantisce l’eccellenza dei vini della Liguria, ormai universalmente riconosciuta.

La viticoltura in Liguria – così si esprimono il Presidente di Coldiretti Liguria Gianluca Boeri e il Delegato Confederale Bruno Rivarossa – è un settore cardine dell’economia locale, condotta da tempi immemori grazie ai tipici terrazzamenti, che permettono di coltivare su una lingua di terra compresa tra mare e montagne. Nonostante siamo una delle Regioni più piccole d’Italia per settore vitivinicolo, abbiamo dei grandi vini conosciuti in tutto il mondo, che racchiudono nel loro gusto il nostro territorio. Le nostre produzioni vanno da quelle del levante, tra cui si ricorda il Vermentino, il ciliegiolo, il dolcetto e la bianchetta genovese a quelle del ponente, come il rossese, il moscato e il pigato. Sono vini d’eccellenza apprezzati sia da intenditori che da consumatori occasionali. Dalla raccolta di quest’anno ci aspettiamo, come sempre, del “buon vino” come lo facevano i nostri antenati e che permetterà alla Liguria di farsi ulteriormente strada nel mercato nazionale e mondiale”

A livello nazionale la vendemmia, iniziata già a metà agosto, prevede per il 2018 un complessivo aumento di raccolto, che si attesterà tra il 10% e il 20% in più, con una produzione di circa 46/47 milioni di ettolitri di vino, rispetto ai 40 milioni dello scorso anno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: