AttualitàCultura e Musica

NATURA FUTURA

Locandina

Da oltre dieci anni uso le mie sculture in legno a impatto zero per sensibilizzare le persone alla tutela e al rispetto della Natura e del bosco nello specifico, a considerare l’elemento albero come opera d’arte e non bene da sfruttare fino ad esaurimento.

Impatto zero perché nel mio lavoro non utilizzo materiali che siano stati manipolati industrialmente né nella maggior  parte dei casi maneggiati da nessun essere umano prima di me.

I reperti che scolpisco sono raccolti nei boschi e frutto di eventi del tutto naturali :morte dell’albero, intemperie, incendi, decadimento causato dal tempo; solo il mio lavoro manuale e un velo di cera d’api modificano l’aspetto senza alterare la forma primigenia.

Con la mostra Natura Futura, grazie alla collaborazione con Legambiente il discorso si amplia e in parte si stravolge nell’utilizzo dei materiali, diventa più leggero e giocoso aumentando però la tragicità e l’urgenza dell’argomento. Non è solo il bosco, è il mare il malato terminale, è la terra che calpestiamo  e l’uomo è il virus.

Siamo in piena sesta estinzione di massa dall’origine del pianeta, negli ultimi secoli abbiamo cancellato oltre il 70 % delle specie esistenti e mentre in passato le cause erano imponderabili questa volta la causa siamo  noi, con il nostro incontrollabile bisogno di cibo ma soprattutto di denaro.

Cosi si pesca fino ad esaurimento delle specie marine per conservare, fare scadere e gettare, resteranno solo pesci in scatola

Gli oceani saranno zuppe di plancton di plastica decomposta  e le balene saranno sacchetti di spazzatura semigalleggianti.

Si avvelena il terreno con antiparassitari e pesticidi in quantità tale da uccidere oltre agli insetti anche la fauna avicola circostante, resteranno solo uccellini di metallo simulacri degli esseri vivi di un tempo.    Gli animali saranno oggetti meccanici telecomandati da smartphone.

O siamo ancora in tempo per rimediare.

La mostra si compone di sculture in legno ceramica e oggetti di uso comune: e di recupero, lo spazio espositivo  di Pozzo Garitta 11 ad Albissola Marina (SV) diventerà un habitat artificioso dove le sculture di pesci in scatola, balene uccelli e altri animali artificiali creeranno un mondo sintetico come simulacro del vero. Dall’ 1 al 9 settembre e nella vetrina del Centro Artigianale Restauri in via Repetto 18 sempre dal 1 al 30 settembre.

Inaugurazione il 1 settembre alle ore 18 al termine del concerto della Camerata Giovanile della Svizzera Italiana del M° Giancarlo  Monterosso.

La mostra ha il patrocinio di Legambiente Liguria e del Comune di Albissola Marina.

Locandina

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: