Attualità

Pronto soccorso e le lunghe ore di attesa

Le lunghe ore di attesa al pronto soccorso dell’ospedale San Paolo di Savona rappresentano per l’utenza uno scandalo che deve finire. Chiariamo subito che le colpe non sono certamente da addebitarsi ai medici o agli infermieri che nonostante il loro massacrante lavoro, fanno tutto il possibile e quanto è nelle loro possibilità. Colpe e responsabilità vanno addossate a chi questa benedetta Asl2 savonese, la dirige e che, non sapendo qual è la situazione del pronto soccorso, dovrebbe provvedere a potenziare questo servizio di assoluta e primaria importanza. È ingiusto, amorale ed eticamente non accettabile che un “codice verde” debba attendere dalle 4 alle 6 ore prima di essere preso in considerazione. Ovviamente, come è giusto che sia, ci sono altre urgenze che hanno la precedenza per via del via vai delle ambulanze continue, che arrivano dalle varie località. Attese di ore e ore che fanno stare ancora peggio di come ci si sente, peggiorando ulteriormente lo stato psicologico del paziente che sta attendendo il suo turno. Una situazione che tutti noi savonesi conosciamo e che conoscono tutti coloro che, per loro disgrazia, devono recarsi al pronto soccorso. Il “soccorso” c’è ed è anche molto qualificato, per la bravura di medici e infermieri, ma di “pronto” non c’è davvero niente. Non sarebbe il caso di migliorare questo servizio mettendo qualche medico e qualche infermiere in più? È mai possibile non capire questa esigenza? Dovrebbe essere instaurato un servizio di soli codici “verdi” in modo tale da snellire ed accelerare molto il lavoro del pronto soccorso per i codici gialli e per le urgenze.  Dal momento che noi italiani siamo ormai abituati ad essere spennati, a pagare ticket su tutto e su tutti, pagheremmo volentieri qualche spicciolo in più pur di essere visitati in fretta e non fare code di ore, che sono allucinanti e deprimenti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: