AttualitàCultura e Musica

La battaglia di Genova appassiona

Gli interessanti e sorprendenti ritrovamenti subacquei sui fondali tra Noli e Finale, ascritti, da un’indagine svolta dalla nave “Anteo” della Marina Militare, a reperti della battaglia di Genova (1795), continuano a suscitare interesse e desiderio di approfondimento, tanto da coinvolgere canali televisivi e programmi italiani e stranieri come National Geographic, Focus, SuperQuark, History Channel, la BBC, manco si fossero trovati i resti di un UFO sprofondato negli abissi, forse quello che, nel 1974, sarebbe stato visto da un residente nella zona di Bergeggi, precipitare vicino all’isola, mi si consenta, pur rivestendo l’operazione la massima importanza , niente da dire;  Simon Luca Trigona, uno dei responsabili della Sovrintendenza ai beni archeologici della Regione Liguria, così si era, in merito, significativamente espresso: ” Questo è il primo lavoro di recupero di archeologia subacquea in decompressione svolto a livello mondiale e senza l’appoggio della Marina Militare – mah! sembra che la Marina Militare costituisca invece l’appoggio indispensabile (n.d.r.) –  se fosse svolto soltanto da privati, avrebbe dei costi insostenibili. Oggi se la nostra Sovrintendenza riesce a condurre lavori di ricerca e studio di questo livello è soltanto grazie a partnership importanti come questa e a collaborazioni con le forze armate. La complessità organizzativa e di programmazione di una missione come questa non avrebbe mai potuto gravare solo sulla Sovrintendenza“.

Ciò che si analizza non sono i reperti della battaglia mitologica fra i topi e le rane, nota come Batracomiomachia, ma consistenti tracce della “Battaglia di Genova”, (1795), con tale nome catalogata dalla Storia, non affatto battaglia di Noli, come adesso la si vuol chiamare, così come la battaglia di Lissa del 1866 non si chiama battaglia di Spalato o di Lesina – ora tutte bagnate dal mare della Croazia -; anzi, a proposito, è notizia recentissima, pubblicata il 29 agosto scorso dal “Messaggero veneto”, che sarebbe stato individuato il “forziere”, della “Re d’Italia”, l’ammiraglia della Regia Marina, speronata ed affondata dall’austriaca “Ferdinand Max” , che giace sui fondali a 115 metri di profondità ed era già stata rintracciata nel 2005: anche questo un ritrovamento interessantissimo e della massima importanza , pure se il discusso e sempre incolpato di tutto ammiraglio Persano, comandante della flotta italiana, famoso per sempre come “testa di legno su nave di ferro” mentre l’omologo austriaco Teghetoff, sarebbe invece “la testa di ferro su nave di legno”, ce lo vedo poco col forziere contenente il “tesoro della Re d’Italia” come dice il “Messaggero veneto”, come fosse stato il pirata Barbanera!

La battaglia di Genova venne combattuta nel 1795, tra la flotta inglese e napoletana (presente quest’ultima con tre navi), guidata dall’ammiraglio William Hotham e la flotta francese, numericamente inferiore che, al comando del contrammiraglio Pierre Martin, tentava di riconquistare la Corsica occupata dagli inglesi. Nella compagine navale inglese spiccò Horatio Nelson, il futuro leggendario, ed anch’egli controverso, ammiraglio (1758 -1805), al comando della HMS (His Majestis Ship) Agamennon, cui si deve il successo del danneggiamento irreparabile e della cattura dei vascelli francesi Ca ira e Censeur, che sostanzialmente segnò la sconfitta della flotta francese, che abbandonò l’impresa della Corsica – poi rioccupata nel 1796 – e venne di nuovo sconfitta alle isole di Hyères il 13 luglio1795.

I reperti vengono, come detto, analizzati accuratamente; a suscitare grande curiosità soprattutto particolari di armi che potrebbero essere consoni ad una classe di scialuppa che, si è appurato, era in dotazione alla marina da guerra francese. Però, in quale modo e perchè “dovrebbe essere riscritta la storia“, come si legge, non si riesce a capire.

E’ importante comunque il progetto del Sindaco di Finale, Ugo Frascherelli, di voler creare, a Finale, un museo della battaglia, il cui allestimento dovrebbe iniziare già a settembre con la ricostruzione della scialuppa oggetto di tanta attenzione.

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: