Attualità

Capelli e peli. Perchè li abbiamo?

I capelli i peli del nostro corpo  hanno una funzione estetica e di richiamo sessuale, seduzione, nonchè di cuscinetto termoisolante. Sono presenti in quasi tutto il corpo sia pure in modo diverso. Più sviluppati negli uomini primitivi. Nel genere umano ne sono prive il palmo delle mani e la pianta dei piedi. Gli uomini e  le donne ne hanno quasi lo stesso numero, ma sono più appariscenti negli uomini. Le sopracciglia evitano che il sudore scenda negli occhi, mentre i peli nel naso e nelle orecchie servono ad evitare l’entrata di insetti o corpi estranei. I capelli sono una arma di seduzione tipicamente femminile e richiedono molta cura, specie in estate. Il sole, il caldo, il cloro e il casco, stressano e possono creare danni ai capelli, specie a quelli chiari. Il sole non solo li schiarisce, ma facilita lo spezzarsi e il formarsi delle doppie punte. Dopo essere stati al sole o fatto il bagno in mare, lavarli bene, con uno shampo delicato, leggermente acidulo (ph5,5). Dalla storia della salute umana, ci servano più capelli in inverno ed estate per protezione, per cui  il ricambio avviene nelle stagioni intermedie. I capelli sono complicati: fegato e cervello, ossa si rinnovano, cuore si riproducono determinati tessuti, i capelli no. Altra peculiarità, dovuta alla sensibilità, i rischi di rigetto nei casi di trapianto si sperimentano, si provano sui capelli. Protezione per capelli sia radi che folti: oltre ad alimentazione ricca di frutta e verdura usando spray per capelli e cappellino ad evitare scottature. La prevenzione oltre che tempestiva può essere anche preventiva, anzi, meglio prevenire che combattere. Al proposito utile sapere che sotto l’ombrellone si evita il 30%, ma il 70% dei raggi passa. Il sole indebolisce i capelli e rinforza i peli specie se scuri. Vantaggi che si ottengono di solito in estate: diminuisce la forfora, il cuoio capelluto è meno grasso, si rinforza il sistema immunitario e la vitamina D (senza crema in orario mattutino). Per radersi i  peli, il rasoio velocizza la ricrescita, per stimolazione meccanica su cellule pilifere, mentre la ceretta, ha durata inferiore, ma è più efficace. Attenzione per quest’ultima alla temperatura, se troppo alta può creare macchie e irritare la pelle. Per le schiene pelose maschili è  meglio il laser, quando la pelle non è abbronzata, in  inverno o in primavera, in più sedute.

1 commento

  • Il rasoio non stimola meccanicamente il bulbo pilifero, in quanto agisce in superficie, mentre la papilla del pelo si trova in profondità. Ci si può radere tranquillamente ovunque quindi senza impelosirsi se non temporaneamente.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: