Attualità

Ciclimo e doping, storia moderna di uno sport antico

Ciclismo. Un mondo vicino alla gente,”un mondo buono” diceva Montanelli. La gente amava i corridori perché erano gli sportivi più vicini alla gente, passavano davanti casa, una cosa bellissima, si applaudivano e dalla finestra si buttavano petali di rosa, quasi si potevano toccare, prendevano la bicicletta smettendo il lavoro. Spesso era, una festa di paese, percorrevano un circuito in paese, con premi messi a disposizione dai negozianti. Il ciclismo sportivo sarà arricchito anche con il colore paesaggistico descritto da grandi firme per declamare anche osterie o canzoni “Pedalando pedalando la corsa vola e va “. E’ vero in passato sono stati commessi molti errori,ma ora ne siamo fuori. Il ciclismo cambia, se una volta si usava uovo sbattuto, poi simpamina (bomba) che aiutava a sfruttare le proprie forze, poi si è cercato di truccare il motore, .sono apparsi eccitanti, anabolizzanti, trasfusioni di sangue, epo. Entrati i nuovi prodotti, arrivano i controlli. Certamente però il doping è 10 anni avanti l’antidoping, come la lepre rischia ma è sempre davanti al cacciatore. Dal 1990 al 2000, l’uso del doping è sceso, ma non basta, resta ancora in alcuni sport, difficile eliminarlo La cronaca recente, dice che persiste in Belgio e Italia, anzi parenti, adulti, frustrati per propri mancati successi, pare che si adoperino per procurare confezioni pericolose per baby ciclisti. Chiara la dichiarazione del ”il cobra”, un ciclista italiano, Riccardo Riccò, che sta pagando una pesante squalifica “con il doping non vinci, ma senza non vinci”.Una promessa, che nel 2008, dopo le emozioni, è stato pescato dalla rete antidoping, la confessione viene ad interrompere una carriera che si presentava luminosa, sta ancora pagando una pesante squalifica (fino al 2024). Ora vive a Tenerife, vende gelati Per le gare non basta essere bravi, si può vincere una tappa, ma non basta per diventare un campione. Ti vedi superato, devi adeguarti anche tu, serve un aiutino, essere seguito, farti aiutare a trovare tutte le sostanze necessarie per incrementare le proprie forze personali. Non basta però la “roba”, devi avere uno che ti segua, non praticoni e stregoni, ma uno preparato e introdotto, che abbia i contatti giusti, sappia anche darti dritte sui controlli a sorpresa. Sono personaggi difficili, sanno i rischi che corrono. Trovarlo non è facile, serve una presentazione. Il servizio assistenza completo costa parecchio 80/100.000 euro all’anno. La situazione, tra i professionisti, è grave e pericolosa, ma almeno c’è una certa conoscenza e assistenza, molto peggio per il settore dilettantistico, giovanile, dove si opera con impreparazione e improvvisazione. Molte illusioni, pericoli, volontà di rischiare, con controlli minori, aiutati in palestra o a casa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: