Attualità

Trenitalia vuole chiudere altre cinque biglietterie

Trenitalia sta di nuovo per darsi la zappa sui piedi con la chiusura, da un po’ preannunciata, di cinque biglietterie ovvero Taggia, Pietra Ligure, Varazze, Genova Pegli e Recco. Certo sussisteranno buone ragioni per procedere alla chiusura delle biglietterie, non è da supporre che Trenitalia agisca di proposito contro gli interessi propri e degli utenti, ma è ovvio che, misure del genere, provocano disagio nella clientela, fanno aumentare il numero dei “portoghesi” e provocano l’inesorabile stato di abbandono delle stazioni che, spesso, inclinano a ridursi a squallidi luoghi di transito, dove la pulizia e la manutenzione si riducono ad ombra, col pericolo incombente di divenire ricettacolo di male frequentazioni e di presentare un pessimo biglietto da visita per le località turistiche, prima di divenire, come a Celle o ad Albisola,  sede della Pubblica Assistenza o della Polizia Locale,  e meno male,e, come è conseguente supporre, di perdere clienti, specie nei brevi percorsi, perchè chi viaggia da Varazze a Savona, ad esempio, è indotto a servirsi delle corriere o dei mezzi propri, piuttosto che perdere tempo con le macchine per l’acquisto dei biglietti, con le quali, prima di servirsene agevolmente, occorre “picchiarcisi”, ben che vada, per almeno una decina di volte, e, come accade, non si ha tempo di cercare la tabaccheria od il giornalaio che vendono i biglietti ferroviari, ma tant’è; anche all’estero succede la stessa cosa ed in Francia od in Belgio, ad esempio, le stazioni “disabilitate” sono parecchie!

L’OrSA (Organizzazione Sindacati Autonomi e di Base), segreteria regionale della Liguria Settore Ferrovie, ha, in merito, indirizzato una lettera aperta alla Regione Liguria, all’Assessore regionale ai trasporti e al turismo Giovanni Berrino, alla Direzione Regionale di Trenitalia ed ai Sindaci dei comuni interessati dall’incombente decisione di chiusura delle biglietterie, per chiedere il mantenimento del servizio di biglietteria nelle stazioni ora contemplate da Trenitalia: la nota si rferisce anche alla stazione di Loano. Di seguito il testo diffuso:

Le problematiche inerenti la rete di vendita della Divisione Passeggeri Regionale di Trenitalia sono state affrontate, a partire dallo scorso anno, con innumerevoli interventi e interrogazioni di gruppi politici al Consiglio Regionale della Liguria nonché da Ordini del Giorno e chiare prese di posizione di vari Consigli Comunali (es. Loano e Pietra Ligure) al fine di evitare la chiusura di un elevato numero di biglietterie sul territorio ligure.

Relativamente a quanto sopra, vi informiamo che nei recenti incontri in materia, la Direzione Regionale di Trenitalia ha espresso la volontà di chiudere definitivamente le Biglietterie di Taggia, Pietra Ligure, Varazze, Genova Pegli e Recco.

Riteniamo che tale scelta sia in contrasto con gli interessi di tutti coloro che fruiscono del servizio ferroviario, anche in considerazione del fatto che le biglietterie, unico presidio ferroviario in stazioni che rimarrebbero completamente disabilitate e impresenziate, svolgono una funzione essenziale di assistenza alla clientela, nonché rappresentano la prima porta d’accesso a località turistiche e un deterrente a possibili atti vandalici in territori altrimenti abbandonati a loro stessi.

La rete di vendita, biglietto da visita di un’azienda di trasporto, è inoltre caratterizzata anche da un’età media elevata degli addetti e necessita in realtà di un ricambio generazionale. Attualmente vengono sottoscritti stagionalmente contratti di somministrazione che non fanno altro che aumentare il tasso di precarietà che già affligge il mondo del lavoro.

Vi chiediamo pertanto un tempestivo intervento a difesa delle prerogative delle Vostre comunità, per scongiurare la perdita di posti di lavoro e, al contrario, dare un impulso al livello occupazionale con contratti di lavoro stabili per i giovani della nostra Regione”.

Anche il Movimento Cinque Stelle regionale ha espresso riserve,approfittando, nel comunicato diffuso, per continuare a minimizzare l’importante investimento per il rinnovo del materiale rotabile.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: