Attualità

Sotto l’ombra Del chinotto – Quando la tecnica prevale sull’agonismo

Anche  nella seconda giornata del campionato di Serie D girone A, il Savona in trasferta, ospite della neopromossa Pro Dronero, è pervenuto alla vittoria. Gli striscioni (per la verità in sofferenza negli ultimi minuti di gara quando sono entrati in affanno)  si sono imposti per 2 a 1 (per i droneresi ha accorciato l’ex Spadafora) grazie ad una doppietta del bomber Virdis (terzo centro in due partite), a segno una volta per tempo, prima su rigore e poi di testa sugli sviluppi di un calcio d’angolo battuto da Bartolini. Nel catino (per dimensioni e condizioni del terreno di gioco) del Filippo Drago dove era presente il pubblico delle occasioni da non perdere, la squadra di Grandoni, sfruttando al meglio le opportunità avute e resistendo poi al veemente ritorno dei locali di Dessena in maglia rossa, ha portato a casa tre punti importanti per il proseguo del torneo. Del match merita ricordare le vibranti proteste della Pro Dronero al 41° della prima frazione su  angolo calciato da Brondino per un mani apparso abbastanza netto di Fenati  in area di rigore del Savona non visto dall’arbitro (questa è la versione versione piemontese) e l’ingresso in campo di Piacentini al 34° del secondo tempo (esordio stagionale) accolto dagli applausi degli irriducibili ultrà. Entrando nel vivo delle considerazioni tattiche avanzerei alcune considerazioni:
– troppo poco competitive Borgaro Nobis e Dronero (appaiate a zero punti all’ultimo posto in classifica) per poter avere un quadro di riferimento realistico circa le reali potenzialità dei biancoblù ( lo scontro di domenica nel derby con la Sanremese servirà a capire meglio)
– arriveranno giocatori dello spessore di Max Taddei (in gol questo turno contro la Caratese) e Spinosa (quest’ultimo la scorsa stagione con la Massese al Bacigalupo fece la differenza) e occorrerà avere un centrocampo robusto
– che a giudicare dalle pagelle e visto l’andamento dell’incontro con la Pro Dronero, continuiamo a credere sia un reparto che non abbia ancora l’assemblaggio ed il cipiglio dovuto e forse voluto (ricordo che nel rombo, questo è il modulo preferito da mister Grandoni : 4-3-1-2, occorre schierare un centrocampista davanti alla difesa, due esterni ed uno a ridosso delle punte).
Per quanto concerne l’immediato c’è da registrare l’impressionante ruolino di marcia del Lecco che si profila come da pronostico essere il contendente più accreditato, agguerrito ed organizzato al successo finale. Ieri al Rigamonti-Ceppi di fronte ad oltre mille unità (559 abbonati e 540 paganti) ha straconvinto annientando il Bra con il secondo poker consecutivo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: