AttualitàCultura e Musica

Loano, presentazione di “Riorganizzare la speranza” di Antonio Ferrara e Filippo Mittino in biblioteca civica

Lunedì 1 ottobre alle 18 presso la biblioteca civica “Antonio Arecco” di Palazzo Kursaal a Loano si
terrà la presentazione di “Riorganizzare la speranza. Tra adulti inquieti e bambini in cerca di ascolto”, il
nuovo libro di Antonio Ferrara, scrittore e illustratore italiano, e Filippo Mittino psicologo, psicoterapeuta,
socio dell’Istituto Minotauro di Milano. Saranno presenti i due autori.

La presentazione è stata organizzata da “Atuttotondo” di Monica Maggi e dal gruppo spontaneo
#cosavuoichetilegga con il patrocinio dell’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano.
L’incontro ha l’obiettivo di “proporre ad insegnanti, genitori, educatori e ragazzi un incontro speciale con
uno dei massimo scrittori italiani di letteratura per ragazzi”.

C’è il bambino che piange inconsolabile, il bambino sopraffatto da un litigio tra adulti, il bambino che è
impossibile portare dal pediatra, il bambino arrabbiato, il bambino curioso che resta inascoltato: storie
che generano domande, che attivano processi di pensiero, che vanno a sondare le quotidiane fatiche dei
genitori, ma soprattutto quelle dei bambini. Che fatica farsi ascoltare, da questi grandi! Mittino e Ferrara
mettono in luce quanto sia importante dare spazio all’ascolto profondo e soprattutto dare del tempo, ai
piccoli: “Un tempo in cui si sta in contatto con loro e si cerca di vedere e capire se per caso o per fortuna
emerge qualcosa dalle loro bocche, dai loro disegni, dai guai che combinano”. Esperienza narrativa ma
anche manuale psicologico, questo libro è uno strumento utile per genitori, insegnanti, educatori, mirato
ad ampliare la capacità degli adulti di comprendere sempre meglio i bambini.

Nel corso del pomeriggio si terrà un reading di Marianna Cappelli. Oltre a presentare il loro ultimo
volume, i due autori effettueranno un excursus sui loro precedenti lavori, come “Scappati di mano” e “La
sfida dei papà”, focalizzati sulle dinamiche del disagio in adolescenza. A seguire un piccolo aperitivo con
gli autori. L’ingresso è libero.

Antonio Ferrara è nato a Portici, vicino a Napoli, nel 1957 e vive a Novara con sua moglie Marianna e con
il gatto Goffredo. Ha compiuto studi artistici e ha lavorato per sette anni presso una comunità alloggio per
minori, dove ha imparato a frequentare i sogni dei bambini e a non prendersi mai troppo sul serio. Tiene
laboratori di illustrazione e scrittura creativa per ragazzi e per adulti presso scuole, biblioteche, librerie,
associazioni culturali e case circondariali. La sua opera più conosciuta, “Ero cattivo”, gli è valsa il premio
Andersen 2012 per la categoria ragazzi sopra i 15 anni. Lo stesso riconoscimento gli è stato conferito per
le illustrazioni nel 2015 con “Io sono così” libro a leporello sugli stereotipi di genere. Nel 2018 ha vinto
con “Pusher” il premio Bancarellino.

Ha cominciato la sua carriera vent’anni fa come illustratore ma da dodici anni scrive ed ha già pubblicato
ben settantadue libri, alcuni dei quali tradotti anche in più lingue. La sua scrittura è rivolta ai ragazzi. Una
letteratura che parla con la voce dei ragazzi. Nasce, come ci dice l’autore da “urgenza, ossessione,
passione (dalla parte sanguigna e irrazionale) e, dalla parte razionale, disciplina. Scrivo per ragazzi
perché è molto più difficile, non essendo un ragazzo quello che scrive. E poi per provare a fornire ai
ragazzi gli strumenti per nominare le proprie emozioni. Secondo me scrivere è un modo per prendersi
cura di se stessi”.


Filippo Mittino è psicologo, psicoterapeuta, socio dell’Istituto Minotauro di Milano. Svolge attività clinica con  bambini, adolescenti e adulti. Si occupa di ricerca nel campo dell’età evolutiva, della psicologia
clinica. Inoltre, in ambito scolastico conduce sportelli d’ascolto, si occupa di progetti d’orientamento ed
educazione relazionale affettiva, progetta e realizza attività di formazione per insegnanti. È membro del
comitato di redazione della rivista “Psichiatria e psicoterapia” edita da Giovanni Fioriti, per la stessa ho
curato i numeri monografici: “Adolescenza e Internet”; “Psicoterapia Narrativa: trame, trasformazione,
cambiamento”; “Apprendere: un processo complesso”. Con Antonio Ferrara ho pubblicato: “Scappati di
mano. Sei racconti per narrare l’adolescenza e i consigli per non perdere la strada” (San Paolo, 2013), “La
sfida dei papà. Nove racconti sul padre alla prova dei figli adolescenti” (San Paolo, 2016) e “Se saprei
scrivere bene” (Coccole Books, 2016).


Spiega il portavoce di Atuttotondo e del gruppo spontaneo #cosavuoichetilegga: “Rivolgiamo un
ringraziamento particolare va a Angela Cascio preside dell’Istituto di istruzione superiore di Finale, al
professore e illustratore Sergio Olivotti che ci hanno proposto questo incontro pomeridiano in aggiunta
all’incontro che Antonio Ferrara farà con i ragazzi della prima Grafici e Meccanici dell’Ipsia ‘Da Vinci’ di
Finale Ligure, e all’assessorato a turismo, cultura e sport del Comune di Loano che da sempre sostiene la
lettura con il ‘Patto per Lettura’. Siamo certi che l’avvicinamento alla lettura possa essere per i ragazzi e
non solo, un grandissimo strumento di crescita personale e sociale. Il libro diventa un ‘medium’ per
indagare se il mondo ci circonda. ‘Leggere è comprendere’ coinvolge le emozioni, i sentimenti, le
esperienze affettivo-relazionali e sociali trasformando il libro in una fonte di piacevole svago e possibilità
di cambiamento e crescita. Stiamo lavorando sul territorio per promuovere iniziative di lettura ad alta
voce e progetti di avvio alla lettura nelle scuole insieme a partner locali (librerie, scuole, gruppi
informali)”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: