Attualità

Stephan El Shaarawy: da Savona alle vette del calcio mondiale

Annate indimenticabili, brutti infortuni, trasferimenti e rinascite. È il riassunto della vita sportiva di Stephan El Shaarawy, talento savonese della Roma e della Nazionale Italiana. Partito proprio da Savona e dalle giovanili del Genoa, l’attaccante classe ’92 è tornato nell’ultima stagione a incantare con la maglia dei giallorossi. Ripercorriamo una storia, quella del “Faraone”, che è l’emblema di come nello sport ci sia sempre una seconda opportunità.

Talento precoce, El Shaarawy mette in mostra fin dai primi passi sul rettangolo verde quelle doti che faranno di lui un punto fermo della Nazionale e che lo porteranno a essere inserito nel 2012 nella lista di Don Balòn dei migliori calciatori nati dopo il 1991: qualità fisiche notevoli a dispetto del fisico compatto, rapidità e cambi di passo, un dribbling difficile da decifrare per gli avversari e un piede destro in grado di fare molto male dalla distanza.

Doti che convinceranno il Genoa a puntare su di lui e a mandarlo, appena diciottenne, in prestito al Padova per farsi le ossa. Gli basteranno appena quattro partite per realizzare il primo gol tra i professionisti nella vittoria per 4 a 0 dei biancorossi contro la Reggina.

Promosso titolare al primo campionato di Serie B, El Shaarawy realizzerà sette gol in venticinque presenze, affermandosi come uno dei protagonisti della cavalcata del Padova verso i playoff. Nella post-season del 2011 diventa anche il più giovane marcatore della storia nelle fasi finali: due sue reti nella semifinale contro il Varese permetteranno alla squadra di giocarsi la promozione contro il Novara.

Un bellissimo “vizio” per il savonese quello delle doppiette. Basti pensare ai due gol realizzati in maglia Roma contro il Chelsea nella Champions League dell’ultima stagione che hanno permesso ai giallorossi di giocarsi il passaggio del turno contro il Qarabag in tutta tranquillità e con i favori del pronostico. Ma soprattutto due reti fondamentali per dare il via a una cavalcata europea interrotta solo dal Liverpool in semifinale. Ma andiamo con ordine.

Dopo la splendida stagione di Padova, El Shaarawy passa al Milan in comproprietà. L’anno è il 2011. Anche in rossonero, l’attaccante si dimostrerà un fenomeno di precocità: gli basteranno due partite per realizzare il primo gol in Serie A, quello del pareggio contro l’Udinese. Chiusa la prima stagione nel massimo campionato con ventotto presenze e quattro gol, il ligure esplode definitivamente nel 2012.

In quella magica stagione, Stephan realizza il suo primo gol in Champions, contro lo Zenit, e chiude il girone d’andata con l’incredibile bottino di quattordici reti in diciannove gare. Numeri che lo porteranno sui taccuini di tutte le grandi del calcio mondiale.

Ma l’imprevisto è dietro l’angolo e si materializza sotto forma di un infortunio al piede. Il recupero dal primo problema fisico della carriera si rivelerà più lungo del previsto e le continue ricadute lo terranno spesso lontano dal campo nelle due stagioni successive.

Nel 2015, il Milan, da sempre la sua squadra del cuore, decide di cederlo al Monaco in prestito con obbligo di riscatto. La stagione nel Principato sarà la più brutta della carriera: nessuna rete nelle quindici presenze in campionato e solo tre marcature in Europa League.

Da giovane promessa del calcio mondiale, El Shaarawy sembra ormai un calciatore in declino fisico e in involuzione. Arriverà la Roma a dargli una nuova opportunità e a credere nel suo talento.

Il 26 gennaio 2016 passa in prestito con diritto di riscatto nelle file giallorosse. Nella Capitale la scintilla scatterà subito: meraviglioso gol di tacco all’esordio, doppietta a febbraio contro l’Empoli e metà stagione chiusa con diciotto presenze e otto gol. Il “Faraone” è tornato e la Roma lo acquista a titolo definitivo.

Sarà un ottimo affare per entrambe le parti. L’annata 2016-2017 si chiuderà con la prima doppietta nelle Coppe Europee e con dodici reti totali. La successiva, la prima con Di Francesco in panchina, andrà ancora meglio: meno gol, nove, ma più assist e minuti passati in campo, molti dei quali da titolare.

Quest’anno il tabellino marcatori ha già registrato il nome di El Shaarawy nel pareggio contro il Chievo e nella vittoria contro il Frosinone di ieri. La conferma che, se è al riparo dai problemi fisici, Stephan è ancora uno dei migliori talenti del calcio italiano.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: