Attualità

L’Università alla centrale di Tirreno Power

L’Università di Genova e Tirreno Power daranno vita a un accordo volto al trasferimento di aule, laboratori, attività scientifiche e di sperimentazione dell’ateneo all’interno della centrale di Vado Ligure. La collaborazione prevede che spazi del sito produttivo, presso il quale è tuttora in corso la demolizione di una delle ciminiere, possano essere utilizzati dai dipartimenti dell’Università di Genova per funzioni di didattica e ricerca, con la possibilità che gli insegnamenti di alcuni corsi di laurea, in particolare ingegneria meccanica ed energetica, che si tengono presso il Campus di Savona, siano svolti all’interno del sito produttivo di Vado Ligure. Per il progetto sono stati messi a disposizione dell’Università una palazzina che potrà essere adibita ad uffici e aule, e un laboratorio di ricerca. Saranno resi disponibili per studenti e insegnanti la sala convegni della centrale e i servizi di mensa.

L’accordo avvicina università e azienda non solo dal punto di vista fisico ma anche per quanto riguarda le attività. Il polo universitario e Tirreno Power lavoreranno insieme per la ricerca nei settori dell’energia, dell’impiantistica industriale, dell’ambiente, della gestione e del monitoraggio tecnico-economico dei processi produttivi. L’accordo triennale e rinnovabile prevede pure la partecipazione congiunta a programmi di ricerca: sono già stati individuati i primi due progetti europei di ricerca e alta formazione a cui prendere parte insieme.

“La collaborazione con Tirreno Power – ha sottolineato il rettore di Unige Paolo Comanducci – va nella direzione di allargare la nostra presenza sul territorio della provincia di Savona, irrobustendo le attività di trasferimento tecnologico e valorizzando il ruolo dell’università quale motore di sviluppo e innovazione. A Savona abbiamo negli anni configurato un centro di competenza di livello internazionale sulle tematiche energetiche e la possibilità offerta dall’azienda di rendere accessibile ai nostri studenti di ingegneria meccanica ed energetica il laboratorio a cielo aperto della centrale a ciclo combinato di Vado Ligure non può che ulteriormente innalzarne il livello di preparazione tecnico-scientifica, con ricadute positive per il futuro sviluppo delle loro carriere professionali”.

“Si tratta di un progetto di fondamentale importanza – ha per parte sua spiegato Fabrizio Allegra, direttore generale di Tirreno Power – sia per la collaborazione tra azienda e università su attività di ricerca e formazione sia in quanto si inserisce perfettamente nel percorso di reindustrializzazione e valorizzazione delle aree della centrale di Vado Ligure. Il lavoro si costruisce con la formazione, l’innovazione si crea con la ricerca: entrambi sono traguardi che Tirreno Power si è posta per contribuire in modo tangibile alla crescita del territorio e allo sviluppo di tecnologie a basso impatto ambientale, che sono alla base della nostra attività di produzione elettrica sostenibile”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: