Attualità

Seconda Categoria – Rocchettese vs Millesimo è un “affare di famiglia”, intervista doppia ai fratelli Miraglia

Sono tanti i derby che si disputano nel girone “B” del campionato di Seconda Categoria, vista la nutrita presenza di squadre valbormidesi. Tuttavia, quello tra Rocchettese e Millesimo in programma per questa domenica sarà vissuto in maniera particolare dalla famiglia Miraglia. Michele, studente di 22 anni, è il segretario della Rocchettese e insieme a Simone Ferrero sta facendo crescere la società rossublu che lo scorso anno ha sfiorato i play off. Domenica se la vedrà con il fratello maggiore Francesco, 26 anni, libero professionista nel settore immobiliare e direttore sportivo del lanciatissimo Millesimo. Uniti dalla passione per la Juve e divisi tra il rossoblu e il giallorosso, i “Miraglia brothers”, che vedete in una foto “d’epoca”, hanno risposto alle domande della nostra intervista doppia.

Come arriva la squadra a questa partita?

Michele: Dopo il pessimo avvio, arriviamo in forma a questo appuntamento. Siamo in crescita e sono sicuro che il risultato non sarà scontato.

Francesco: Arriviamo alla gara di domenica in un ottimo stato di forma (quattro vittorie consecutive). Tuttavia, affrontiamo il peggior avversario che ci potesse capitare, perché la Rocchettese ha iniziato a inanellare risultati positivi. Uscire vittoriosi da Rocchetta non sarà facile.

Quale giocatore toglieresti alla squadra avversaria?

Michele: La loro squadra non si basa su un solo giocatore, non è semplice rispondere a questa domanda. Dico il mio amico Davide Demadre, mio compagno di avventura nei “Ciucateri”, la squadra del torneo di Pallare.

Francesco: Toglierei Saviozzi.

Tuo fratello sarà dall’altra parte. Chi dei due “la sente di più”?

Michele: Sicuramente lui, hanno i favori del pronostico!

Francesco: Siamo due passionali. Credo che la sentiremo entrambi.

Una qualità che inviti di tuo fratello. 

Michele: Invidio la sua esperienza, accumulata in molti anni tra Cairese e Millesimo. Mi piacerebbe ripercorrere le sue orme nel mondo del calcio.

Francesco: Invidio la passione viscerale che mette in tutto quello che fa. Io mi sento un passionale, ma lui lo è di più.

Un difetto che gli toglieresti. 

Michele: Il grande difetto è che con lui in casa non posso parlare di mercato perché potrebbe soffiarmi i giocatori!

Francesco: A volte è sfacciato, un atteggiamento che può risultare dannoso.

Se vincete voi tuo fratello deve… 

Michele: Fare una foto con la sciarpa della “Rocca”

Francesco: Scattarsi un selfie con la sciarpa giallorossa.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: