Cultura e Musica

Convegno Ucid: “Vuoi avere successo? Anima l’azienda!”

Nella suggestiva atmosfera dell’oratorio della Confraternita di N.S. di Castello, martedì 27 novembre a partire dalle ore 17.30,  si è svolto l’atteso incontro dal titolo “Vuoi avere successo? Anima l’azienda. La tecnologia serve, ma la differenza la fa l’anima dell’imprenditore”, organizzato dall’associazione Ucid (Unione cristiana Imprenditori Dirigenti) di Savona che già a maggio aveva proposto una conversazione con don Giovanni Farris, suo consulente ecclesiastico, basata sul tema “Fatica e pietà religiosa nell’uomo d’oggi”. Dopo l’introduzione ufficiale ad opera di Gianfranco Ricci presidente della sezione Ucid di Savona, sono intervenuti per i rituali saluti e qualche riflessione sull’argomento Pier Giorgio Marino segretario Ucid -Liguria e Presidente dell’Associazione “Strategie d’impresa per il bene comune”, il vescovo emerito monsignor Vittorio Lupi che ha rappresentato il vescovo della Diocesi di Savona-Noli monsignor Calogero Marino in visita pastorale ed il sindaco Ilaria Caprioglio. Interessante e ricca di spunti la relazione tutta di un fiato dell’esperto in Business Ethics, Paolo Pugni, ideatore del metodo AIUTA che permette alle imprese di fare più profitti aiutando i propri clienti a guadagnare di più nel rispetto del metodo dei valori cristiani condivisi.La dissertazione del consulente/manager, che recentemente ha partecipato alla difficoltosa maratona di New York, ha richiamato l’attenzione di un pubblico competente e qualificato sul perchè (il senso) e sulla mission del lavorare insiem. “L’anima dell’imprenditore ha radici che non gelano mai – ha sottolineato il coach del profitto (come usa definirsi) – coraggio, visione, saggezza, spessore umano e professionale devono sempre contraddistinguerlo”. E poi avanti con un susseguirsi di riferimenti illustri dalla Storia dei Santi, alla “scommessa di Pascal”, dal monito di Papa Francesco del 2015 sull’etica dell’impresa, alla parabola dei talenti. Per non dire dei sintetici richiami alle esperienze di Olivetti, di Merloni, di Ford, della Faac di Bologna un’azienda che con l’arrivo del cardinal Matteo Zuppi, ha confermato gli amministratori e ha dato rigide linee guida: prima di tutto attenzione al welfare dei dipendenti. Ogni lavoratore del gruppo Faac gode infatti di una polizza sanitaria aggiuntiva, mentre i figli dei dipendenti assunti in Italia possono usufruire di tre settimane di campo estivo gratuito. Secondo: gli utili devono restare in azienda per fare sviluppo, cioè acquisizioni per consolidare il business. Il rapporto fra il «prima» e il «dopo» lo spiegano i numeri: quando la Faac (come ha verificato la Gabanelli) arriva nelle mani della Chiesa alla fine del 2014 è una realtà da 284 milioni di euro di fatturato, realizzato in larga parte in Italia, e un migliaio di dipendenti. Nel 2017 l’azienda chiude con un fatturato consolidato di 427 milioni di euro, i dipendenti salgono a 2.500, e 43 milioni di utile netto.Nelle linee guida è previsto che una parte degli utili vengano girati alla Curia: sono circa 5 milioni l’anno. Come vengono spesi? I dividendi dei primi anni se ne vanno in spese legali, e tasse. Nel 2015 ne vengono utilizzati 3 per mettere a posto le chiese terremotate del modenese, e il resto per risanare le casse della fondazione. Prende così forma un progetto più strutturato, e i fondi vengono completamente destinati al territorio, tramite la Caritas.Insomma fare impresa in maniera cristiana si può e funziona.Si tratta di un modello di attenzione ai dipendenti e al territorio che produce risultati virtuosi, e un valore concreto e tangibile non solo in termini di profitto. Lasciando in bocca il sapore di un’umanità positiva e che si impegna per un bene comune, fatto di lavoro, crescita e benessere, e di relazioni umane positive. Il tutto nel nome di una Chiesa che non ha paura di sporcarsi le mani, e non solo in situazioni di emergenza, ma anche nelle realtà più fortunate, fatte di imprenditori profetici e di sacerdoti lungimiranti, che insieme costruiscono realtà di vita buona in nome della solidarietà.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: