AttualitàCultura e Musica

L’ex centrale Sipe di Ferrania promossa dal Fai

Con oltre 3 mila firme, l’edificio, purtroppo in abbandono, della centrale elettrica SIPE di Ferrania, ha potuto essere annoverato tra i  “I Luoghi del Cuore”, oggetto del censimento organizzato dal FAI – Fondo Ambiente Italiano.

Giunta alla nona edizione, la campagna   ‘Luoghi del cuore’ individua luoghi e monumenti legati ad emozioni, a memorie, alla storia ed a storie locali, di solito apporti poco noti alla bellezza ed alla tradizione, spesso in stato di abbandono ed in attesa di essere recuperati. Le votazioni si sono concluse nella giornata di ieri. Per presentare un progetto al FAI  era necessario raggiungere le 2 mila firme.

La petizione (promossa inizialmente sui social) per promuovere la candidatura dell’interessante testimonianza liberty dell’architettura industriale è stata sostenuta dll’Istituto Superiore ‘Federico Patetta di Cairo Montenotte, che si è impegnato alla realizzazione, da parte degli alunni della classe V D indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio, di un documento illustrativo audiovisivo.

La centrale SIPE era stata costruita nel 1916 su progetto dell’architetto milanese Cesare Mazzocchi. Viene descritta, sul sito FAI, come ‘Un gioiello liberty industriale abbandonato, in un sito carico di storia, in mezzo ai boschi’.

L’edificio è stato posto sotto vincolo dalla Soprintendenza ligure nel 2016. Nell’archivio del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto (MART) sono conservati i disegni di Mazzocchi; esaminati da Alberto Manzini, sono stati riprodotti per il ‘Ferrania Film Museum’, di Palazzo Scarampi a Cairo Montenotte.

In attesa dei risultati ufficiali che saranno comunicati dal FAI a febbraio 2019, domenica 16 dicembre, alle ore 19.00, presso il Ferrania Film Museum di Cairo Montenotte, si terrà un incontro pubblico per onorare il riconoscimento da parte del FAI e raccogliere idee per il da farsi in merito.

 

Foto di Marcello Modica

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: