Attualità

18 dicembre 1890 : nasce la prima linea sotterranea al mondo

Fu Londra che nel segno dell’innovazione aprì la sua prima metropolitana a trazione elettrica che sostituì in modo definitivo quella a vapore. London Undergroud, questo il suo nome in inglese, è la più antica rete metropolitana del mondo e la più estesa d’Europa. Vanta ben 460 km di linea autonoma di cui il 45% costituito da gallerie sotterranee (207 km). Ad oggi si tratta della più estesa d’Europa, seconda nel mondo solo a quella di Shangai. La più grande rete metropolitana italiana tanto per la cronaca è a Milano con 88 Km lunghezza, mentre Roma ne ha poco più di 50 Km. La stazione di Stockwell è stata anch’essa aperta al servizio il 18 dicembre 1890 come capolinea sud della City & South London Railway (C&SLR). Nel 1900 la linea è stata prolungata verso sud fino a Clapham Common[. L’edificio della stazione è stato progettato da Thomas Phillips Figgis, con una cupola sopra il pozzo degli ascensori. Tra il 1923 e il 1924 la stazione è stata modernizzata, con un nuovo edificio in superficie, binari ampliati e spostati più a nord rispetto agli originali. La prima linea della storia della London Underground (o “The Tube” come la chiamano i londinesi) fu la Circle, seguita 5 anni dopo dal primo tratto della District da South Kensington a Westminister. La prima tratta elettrificata data 1890, mentre la Central line venne inaugurata con il nuovo secolo, nel 1900. Nel 1908 per la prima volta apparve la dicitura “Underground” all’ingresso delle stazioni, negli anni di massimo sviluppo della rete metropolitana londinese (costruzione della prima parte della Northern Line e della Piccadilly) mentre nel 1911 vennero installate le prime scale mobili (stazione di Earl’s Court).
Durante la Grande Guerra alcune stazioni furono impiegate come riparo durante le incursioni degli Zeppelin tedeschi su Londra, mentre i lavori di ampliamento riprenderanno negli anni ’20 con l’adozione di soluzioni tecnologiche all’avanguardia come le prime porte automatiche dei convogli nel 1929. Tutti i lavori furono sospesi con lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale e le stazioni nuovamente impiegate come rifugi antiaerei durante i devastanti bombardamenti da parte della Luftwaffe. Proprio durante un allarme aereo si consumò una delle più gravi tragedie della guerra, teatro la stazione della metropolitana di Bethnal Green sulla Central Line. Il 3 marzo 1943 suonò la sirena poco dopo le 20 ed i cittadini che si trovavano nei pressi della stazione si avviarono ordinatamente all’ingresso. Il dramma si consumò quando una batteria antiaerea poco distante sparò un nuovo tipo di proiettile che creò il panico sulle scale della stazione. I morti per schiacciamento furono 172, di cui 68 bambini.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: