Attualità

Alassio, inaugurata la mostra fotografica “Magia Bianca”

E’ stata inaugurata, alla presenza del vicesindaco Angelo Galtieri, del presidente del consiglio comunale Massimo Parodi, della consigliera comunale Paola Cassarino, del consigliere comunale di Albenga Maurizio Arnaldi e di numerosi cittadini, la mostra fotografica “Magia Bianca” creata dalla professoressa Giulia Bogliolo Bruna e dal fotoreporter Matteo Smolizza.

“Queste sono immagini importanti e vedere Alassio ricoperta di neve fa uno strano effetto”, ha dichiarato il giornalista Daniele La Corte, “e credo che l’ultimo lavoro di Guccini denominato “La Grande Thule” sia in qualche modo legato a questa mostra. L’attività dell’uomo fa molti danni ed è importante capire come cambia il nostro clima. In questa mostra la professoressa Bogliolo illustra molto bene la realtà di questi luoghi magici”.

Stessa soddisfazione da parte della professoressa Bogliolo :”Saluto tutte le autorità ed i presenti, in particolare la consigliera Cassarino ed il vicesindaco Galtieri senza dimenticare Daniele La Corte, il reporter Matteo Smolizza, Giorgio Caprile, l’architetto Zanardini ed il consigliere comunale di Albenga Maurizo Arnaldi”.

“L’idea è partita dal presidente del consiglio Parodi”, afferma Galtieri, “e spero sia solo l’inizio di una lunga e proficua collaborazione”.

“Porto i miei auguri a tutti i presenti”, sottolinea la consigliera Cassarino, “ed essendo molto sensibile al tema dell’ambiente e degli animali sono molto contenta di questa mostra”.

“Abbiamo uno sguardo sull’altrove pre-confezionato e la cartografia del Rinascimento è ipotetica”, prosegue la professoressa Bogliolo, “ed ha una visione realistica e religiosa, La foto dell’iceberg del 2011 è chiamata “La parte della trascendenza” e ciò dimostra come l’uomo sia piccolo rispetto alla natura che è un regno delle metamorfosi perchè cambia e così le carte. In quell’epoca l’altro era considerato rispetto alla lontananza da Gerusalemme, allora considerato il centro del mondo. La carta del 1606 è un compendio geografico dell’epoca in certa scienza e pre-scienza ed il tempo è mito, storia, sacro e profano. Chi viaggia lo fa con la Bibbia e cerca di adattare la realtà allo scritto e chi viaggia verso nord spera di incontrare cinesi e giapponesi ma incontra gli inuit chiamati anche eschimesi, mangiatori di carne cruda. Questa umanità è primitiva ma ingegnosa avendo a disposizione poche risorse e l’uomo del 500 è meravigliato da loro. Per noi l’eschimese è l’uomo in kajak e le stampe dell’800 rappresentano la caccia alla balena e alla foca. Gli inuit hanno con l’ambiente un’osmosi importante anche perchè la loro è una natura limite e l’uomo vive in simbiosi con la natura stessa che è un’essenza per gli inuit. Il micro ed il macro dialogano e dicono che tutto ha un’anima con un’importante capacità sensoriale ed una vera osmosi con l’universo. Il contratto uomo-natura è molto importante per gli inuit e la loro società e se interrotto vi è il caos portando l’uomo a sentirsi umile”.

“Gli inuit ricercano l’ordine e la sua perpetuazione e lo sciamano è depositario di cultura e sapienza, fa rispettare le regole ed è garante della coesione del gruppo. Nel gruppo tutti sono uguali ed è il gruppo che decide il nome del leader per la caccia ed il nome dello sciamano. Vi sono due stagione, il lungo inverno e l’estate, ed il singolo individuo trionfa d’estate mentre il gruppo è forte in inverno portando in sè le origini della metamorfosi per eccellenza”, conclude Giulia Bogliolo Bruna.

La mostra è aperta dalle 10.30 alle 12 e dalle 17 alle 19 presso la sala Carletti dell’Ava in Via XX settembre 7 ad Alassio.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: