Attualità

Cina e Occidente

Per secolo l’Oriente ed in particolare la Cina  hanno avuto un ruolo centrale politico economico che solo negli ultimi 500anni è passato all’Occidente, ora la Cina ha un grande progetto, riassumere la centralità ed un ruolo sempre più importante, parla di  grandi storie, commerci del Medioevo, riaprendo al mercato progetti e percorsi antichi. Marco Polo aveva raccontato  nel suo libro “Il Milione”: le sue vicende,da curioso ma riservato, parlando poco di sé,ma di terre, storie, novità di quei lontani paesi. La Cina era l’Impero più grande e organizzato di quei tempo, nella sua permanenza era stato apprezzato, diventato famoso, sino a diventare funzionario di alto rango dell’Impero Mongolo, pur suscitando anche gelosie. In Cina  Marco Polo scopre la “carta moneta” , ne resta affascinato, ma tornato in Patria , non riesce ad applicarla nei nostri piccoli Stati, che però erano più liberi  ed in certo senso più democratici. Per via della seta si intendeva un reticolo di percorsi, composto da itinerari terrestri, marittimi, fluviali,  lungo i quali già in antichità si svolgevano i commerci tra Impero Cinese e Impero Romano Partiva da Asia Centrale, per giungere, attraverso il Medio Oriente, al Mediterraneo, cercando di evitare gli impervi monti dell’Himalaya. Certamente la seta non viaggiava da sola, ma con altre merci, unitamente a concetti religiosi e scientifici (matematica, geometria, chimica e astronomia) Questi scambi furono importanti non solo per lo sviluppo delle civiltà antiche, ma anche per mettere le basi del mondo moderno La prima traccia risale al 114 ac, al tempo della dinastia AN La via della seta sopravvisse fino al XV sec 150 anni  dopo l’impresa di Marco Polo. Ora quel percorso, dopo i corsi e i ricorsi della storia, senza cammelli ma  con una carovana di treni e navi accorcia le distanze nel commercio tra Oriente e Occidente. Tempo fa erano le carovane di cammelli da Asia Orientale dopo tanto cammino ad affacciarsi al Mediterraneo capolinea di un viaggio infinito,  detto “via della seta” utilizzato dalla Cina per rifornire al mondo un tessuto pregiato, frutto di una formula di  segreta che si credeva magica. Per ora è stato attivato un primo convoglio  ferroviario, partito il 28/11/2017 da Mortara (PV) alle 12 portando il meglio dei prodotti italiani, impiegherà 18 gg, percorrendo 11.000 Km per arrivare a Chengdu (Cina), passando per Polonia, Bielorussia, Russia, Kazakistan. Per i Cinesi la via della seta non è solo una strada di collegamento, commerciale ma anche economico e geopolitico, un progetto di sviluppo a lungo termine del paese, vuol sottolineare la differenza tra la vecchia chiusura e l’apertura degli ultimi 15 anni nonchè l’ascesa come potenza commerciale. Per questo progetto la Cina ha stanziato 60 miliardi e ne stanzierà altri.  La via della seta, passa anche nel futuro dei porti Italiani, è sicuramente una opportunità, offre possibilità di nuovi commerci, ma essendo in mano ala Cina, può diventare anche un rischio di marginalizzazione, serve un accordo chiaro per non essere colonizzati, con una strada a senso unico, considerate le nostre difficoltà economiche. I Cinesi hanno cercato a lungo un approdo a Gioia Tauro, ma difficoltà burocratiche li hanno dirottati sul Pireo, anche se la Cina continua a considerare l’Italia importante interlocutore Hanno messo gli occhi sul porto di Vado Ligure che sarà pronto per il 2018. Per questo progetto la Cina ha stanziato 60 miliardi e ne stanzierà altri.  Portare a Rotterdam oggi container scaricati a Genova costa 10.000 euro, non è competitivo, serve migliorare i trasporti ferroviari, finire il terzo valico A meno che non diventi percorribile, visto l’attuale ritmo di scioglimento della Banchisa Polare, la rotta Artica. Nel frattempo serve valutare che la movimentazione merci nei nostri italiani è scesa dal 23% nel  2005 a 19% nel 2017, anche  perchè le grandi navi non trovano attracchi adeguati nei nostri porti. Noi siamo il centro geografico di passaggio, cerchiamo di approfittarne, aiutando il commercio. Servono la riforma dei porti, ma soprattutto della burocrazia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: