Attualità

Prima Categoria – Intervista a Luca Ottonello: 100 presenze con la maglia gialloblu

Ieri, è andato in scena il derby del Santuario tra Speranza e Letimbro. Prima del fischio iniziale del direttore di gara, la società Letimbro ha voluto omaggiare con una targa capitan Luca Ottonello, il difensore classe 1989 ha infatti raggiunto il prestigioso traguardo delle 100 presenze in maglia gialloblu.

“In questi sei anni alla Letimbro, cinque giocati causa infortunio con rottura del crociato, sono tantissimi i bei momenti trascorsi che porto con me. Sono arrivato nell’anno in cui avevo deciso di tornare a giocare a 11 e la squadra militava ancora in Terza Categoria. In tre anni siamo arrivati in Prima e la galoppata di quel triennio con mister Roso è qualcosa di memorabile. Se dovessi però scegliere tre momenti, rammenterei  il momento del mio infortunio alla seconda giornata di campionato del mio primo anno alla Letimbro, sul terreno del Faraggiana, ironia della sorte perché è il campo dove sono cresciuto con l’Albisola, ma quello che mi rimane, oltre che il dispiacere e l’abbattimento di quei mesi, è la grande voglia di rimettermi in piedi e tornare nell’ambiente fantastico che era la Letimbro e che avevo respirato fin da subito. Così è stato e il giorno del rientro in campo dopo dieci mesi è stata una liberazione. Poi, non posso non citare la carrellata di ricordi, di soddisfazioni, di divertimento dell’anno della vittoria della Seconda Categoria. Una galoppata pazzesca fino alla fine. E la cosa fantastica quell’anno è stata la possibilità di giocare in campo con 7/11 che erano amici anche nella vita, della compagnia fuori dal campo. Ma la Letimbro in questi anni mi ha regalato tanti nuovi amici oltre che compagni di squadra. Infine, penso agli ultimi due anni, quelli della maturità della squadra, trascorsi in Prima Categoria dove insieme a noi anche la società è cresciuta, e alle due salvezze guadagnate sul campo, lottando e dimostrando quanto si voglia che la Letimbro continui a essere non solo un ambiente sano ma anche e soprattutto una bellissima  storia”.

Ottonello ripercorre così i momenti salienti di un’avventura che, giunta al sesto capitolo, comincia a rappresentare una fetta importante della vita sportiva e umana. Poi, spazio all’attualità con un commento a caldo su un derby aggiustato a pochi giri di orologio dal fischio finale: Il derby del Santuario è sempre una partita sentitissima che tutti dovrebbero giocare per capire l’adrenalina che circola nei momenti prima di scendere in campo. E anche quello appena disputato non ha deluso le aspettative. E’ stata una partita giocata con cuore, grinta, impegno e voglia di fare risultato tutti insieme. La forza della Letimbro sono sempre state le persone e lo spogliatoio, quelli dentro e fuori dal campo. Credo che il punto guadagnato, sebbene non ci abbia permesso di smuovere molto la classifica, permetta di fare grande morale per continuare il nostro cammino verso la salvezza e iniziare il girone di ritorno con determinazione e consapevolezza”.

Il girone di andata, complici le due sole vittore su tredici incontri, vede la Letimbro davanti soltanto a Cervo e Plodio. Tuttavia, la bontà della rosa e l’aria che si respira nell’ambiente (oltre a una classifica cortissima) non fanno disperare il “centenario” capitano: “Credo sia stato un girone d’andata ingeneroso e ti spiego perché: nell’anno in cui abbiamo la rosa più ampia di sempre e forse anche la più attrezzata non solo numericamente ma qualitativamente con giovani di valore e giocatori più esperti e un mister molto preparato abbiamo fatto fatica a trovare continuità, a difendere risultati in partite che sembravano chiuse senza contare gli infortuni occorsi fin da inizio anno e una serie di sfortune che hanno fatto la loro parte. In parte credo sia comunque il prezzo da scontare per una squadra ri-organizzata che doveva trovare la sua identità. Speriamo che la gavetta del girone d’andata ci porti a un ritorno maturo e responsabile”.

Infine, un pensiero per la società: “Colgo nuovamente l’occasione per ringraziare di cuore tutta la società per la sorpresa che mi hanno fatto. Avevo perso il conto delle mie presenze e non ci pensavo più. Mi hanno fatto rendere conto di come passa veloce il tempo e di quanto le scelte fatte in questi anni siano state motivate dalla voglia di continuare a divertirmi, giocare e lottare insieme a persone di cuore che continuano a fare sì che la U.S.Letimbro esista”, e un auspicio: “Ora manca solo il gol. Perché in tutti questi anni non ho mai segnato con la maglia gialloblu Spero che la prossima volta che ci sentiremo sia per questo”. In fondo, però, crediamo che Ottonello non scambierebbe neanche una manciata di punti della classifica della Letimbro per qualche goal in più, anche perché, arrangiando una celebre frase, non è da questi particolari che si giudica un difensore.

Per la mera cronaca, quella di ieri al Santuario di Savona è stata indubbiamente una domenica ricca di contenuti. In mattinata, abbiamo reso conto dello sfogo da parte della società gialloblu per la situazione delle tribune del campo del Santuario, comunicato stampa al quale l’assessore Maurizio Scaramuzza, presente ad assistere all’incontro, ha risposto prontamente. Il campo, invece, ha prodotto un pareggio (2 a 2) che, parlando in termini di classifica, non può far sorridere né i gialloblu, sprofondati al terzultimo posto, né i rossoverdi, che perdono altre due lunghezze dalla capolista e chiudono il girone di andata sul limitare dei play off. Al vantaggio dello Speranza con Sala, abile a sfruttare un’indecisione della retroguardia di mister Oliva, ha poi risposto Cossu trasformando un calcio di rigore. Poi, un gran goal di Ferrotti ha dato l’illusione della vittoria ai padroni di casa, i quali hanno visto sfumare i tre punti nei minuti finali: tiro del subentrato Carvisiglia deviato da un difensore e Binello beffato.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: