Attualità

Addio a Don Tartarotti

Lutto nella Diocesi di Savona e Noli per la scomparsa prematura di don Pietro Tartarotti, 62 anni, che nel tardo pomeriggio se n’è andato all’hospice “Rossello” dove era ricoverato da qualche giorno, al termine di una malattia incurabile che gli era stata diagnosticata l’estate scorsa.

Così in una nota della Diocesi: «Le sue condizioni di salute gli hanno impedito di iniziare, a settembre, la missione pastorale nelle parrocchie di Albisola Superiore, Ellera e Luceto (incarico a cui era stato nominato dal vescovo Calogero Marino alla fine dello scorso aprile), ma non di trascorrere questi ultimi difficili mesi con grande coraggio e serenità, affidandosi giorno dopo giorno alla misericordia del Padre».

Don Tartarotti era nato a Savona il 4 aprile 1956, ma la sua famiglia è di Albissola Marina, dove tuttora risiede la madre. Dopo l’ordinazione presbiterale, il 4 gennaio 1992, ricevette l’incarico di vice parroco di San Dalmazio in Lavagnola, che svolse sino all’agosto 1995. Negli anni ’90 fu docente di religione nei licei classico “Chiabrera” e scientifico “Grassi” dove ebbe modo di incontrare e formare tanti studenti che gli sono rimasti affezionati, in quel periodo ebbe pure la mansione di cappellano della casa circondariale sant’Agostino e, più recentemente, dell’ospedale san Paolo in Valloria.

Vero silenzioso “lavoratore nella vigna del Signore”, per citare parole di Benedetto XVI, Don Pietro rivestì incarichi molteplici: fu assistente spirituale del sodalizio “Arianna”, un gruppo di volontariato votato in particolare al sostegno dei malati di Aids, vicepresidente (dal 1992 al 1997) e poi presidente (dal marzo 2003 al febbraio 2013) dell’Istituto diocesano per il sostentamento del clero. L’ultimo incarico pastorale, conferitogli nel 2005, è stato di guida della parrocchia della Santissima Trinità nel quartiere della Chiavella, sino allo scorso settembre, quando, dopo quasi 13 anni, gli è succeduto don Andrea Camoirano. In questo ruolo don Tartarotti fu Vicario foraneo della zona di Savona fino all’estate del 2016.

“Vorrei ricordare soprattutto la sua capacità di incontrare le persone, specie i giovani, e di stringere forti legami di amicizia – così si esprime il Vicario generale don Angelo Magnano – più che essere un grande pianificatore pastorale, don Pietro aveva il carisma di saper interagire con chiunque,di ricordare molto bene le persone nei loro percorsi di vita (era molto attento anche nel ministero della confessione) e di mantenersi fedele nei rapporti”. I funerali di don Tartarotti saranno officiati dal vescovo Calogero Marino, il giorno di sabato 2 febbraio, alle 11.00, nella chiesa di Nostra Signora della Concordia ad Albissola Marina, dove pure sarà recitato il Santo Rosario domani, venerdì 1° febbraio, alle 18.30.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: