Attualità

Ad Alassio una flotta internazionale di altissimo livello tecnico affronta due prove nella prima giornata della Dragons’ Week. 

Oggi è previsto un appuntamento alle 11 per la seconda di tre giornate di regate Internazionali di “grado 2” della Classe Dragoni valide per l’assegnazione del Campionato Nazionale: evento internazionale che è il frutto della felice partnership con lo Yachting Club Sanremo, da tempo meta privilegiata della Classe Dragoni.

Con la Dragon’s Week inizia la bella stagione della vela firmata dal CNAM Alassio. E la prima giornata va in archivio con due belle prove disputate a discapito di un vento che un po’ s’è fatto attendere e che poi ha reso la vita un po’ più complicata del dovuto al comitato di regata che ne ha dovuto assecondare le bizze procedendo a spostamenti del campo di regata.

In acqua quattordici equipaggi e Ennio Pogliano, Presidente del Cnam Alassio, ha commentato: “Una flotta internazionale che ha confermato i numeri attesi, ma che sorprende per l’altissimo livello tecnico. In particolar modo sono felice di registrare il ritorno di Jochen Schuemann – sei Olimpiadi, 3 ori e un argento – su Cameleer di Marcus Brennecke defender del titolo dello scorso anno. Tra i big devo segnalare anche l’equipaggio di RUS 27 ovvero Anatoly Logino, Vadim Statsenko, Alexander Shalagin, sesto all’ultimo campionato mondiale di Fremantle in Australia”.

Pogliano ha aggiunto: “Ancora una volta ho potuto contare sulla collaborazione non solo del Comune di Alassio e della Marina di Alassio, ma anche di tanti sostenitori come Home Partner Consulting, Frantoio Armato, Residence Le Terrazze, Ristorante Gramsci, Pasticceria Canepa, le Cantine Bersano e Gill: senza di loro nulla di quello che sta accadendo in questi giorni nel porto di Alassio, sarebbe stato possibile”.

Andrea Carloni, fotografo specializzato nella vela, ha affermato: “Ho sempre detto che si tratta di una barca elegantissima e sono davvero colpito, nel vedere regatare, qui ad Alassio anche un pezzo di storia della vela mondiale come Galatea, il Dragone in legno di Filippo La Scala che partecipò alle Olimpiadi di Helsinki nel 1952”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: