Attualità

Sotto l’ombra Del chinotto – Tra l’inarrestabile Lecco e l’emergente Inveruno

Direi che il titolo del pezzo illustri ampiamente quanto ha statisticamente espresso la 25^ giornata di campionato, per quanto concerne il destino di un Savona che, rilanciato dal netto successo infrasettimanale nel recupero con il Sestri Levante ha bissato seppur con il minimo scarto (1 a 0) anche con la mediocre Arconatese che non a caso naviga in piena zona retrocessione al quart’ultimo posto. La terza posizione a quota 47, in virtù delle due ultime affermazioni ed in coincidenza con gli inaspettati pareggi della Sanremese a Borgaro Torinese (un velenoso 1 a 1 con espulsione di Lella e rigore incerto al 90°) e dell’accoppiata Casale/Ligorna, si è consolidata. Domenica in un Bacigalupo spazzato dal vento, dove il rimbalzo della palla veniva ulteriormente complicato dalle condizioni del terreno di gioco, un pubblico sempre più sparuto(segno evidente della crescente disaffezione) ha assistito ad uno spettacolo misero di contenuti e di emozioni. Tolte alcune parate del portiere ospite Mattia Maggioni (ex Primavera del Milan con una carriera sui campi di C) apparso altezza dei compiti e qualche intuizione di un ispirato e ritrovato Lombardi la gara si è trascinata secondo un copione povero in cui è stata decisiva la solita zampata di Virdis al 38° del primo tempo che si è dapprima procurato il rigore che ha spaccato il match, facendosi poi trovare pronto nel ribadirne in rete la temporanea respinta. Con questo sedicesimo sigillo stagionale il bomber di Ozieri diviene capocannoniere del girone A in coabitazione con Baudi e soprattutto raggiunge il 70° gol con gli striscioni a meno 12 dal recordman di tutti i tempi Borgo. Dovendo trovare una pecca nella gestione della gara pare evidente come avrebbe potuto incidere il rischio di non essere riusciti a chiuderla raddoppiando e ciò ha implicato il dover stare in campana sino al termine ricorrendo anche ad artefizi al limite della sportività, leggasi la farsa della sostituzione di Kallon con Federico al 91° che fra l’altro è costata l’ammonizione all’attaccante convocato dalla Rappresentativa della LND che disputerà il Torneo di Viareggio. Interessante e ricco di spunti  si presenta ora l’incontro di domenica 3 marzo con la sorpresa Inveruno. Le quotazione dei lombardi, che all’andata avevano positivamente influenzato la competente piazza della tifoseria locale, sono in ascesa e dopo la roboante vittoria in trasferta con la Folgore, l’ambiente adesso sogna ad occhi aperti i play-off. Mai come in questa occasione occorrerà lanciare un segnale forte anche in virtù dei segnali di nervosismo che giungono dal ponente matuziano.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: