Attualità

Una serata benefica al Teatro Nuovo di Valleggia

Si potrebbe definire un commovente ed emozionante “revival” quello che si appresta ad andare in scena sabato 2 marzo alle 20.45 nel civettuolo teatro della ridente frazione del comune di Quiliano. Si tratta infatti di grande ritorno che per l’attiva e dinamica comunità valleggina ha tutto il sapore di un gradito amarcord. Credo di non scomodare a caso l’impiego di questo azzeccato  neologismo della lingua italiana che traendo origine dal noto film del 1973 diretto da Federico Fellini ha assunto il significato di rievocazione in chiave nostalgica. Perché proprio di questo si tratterà. Infatti, grazie all’impegno e allo slancio di Germano Alemanni e di Luciano Carlino, subitamente coadiuvati da tanti encomiabili volontari, quella che poteva essere solo un’idea, ha preso forma e si è trasformata in una vera impresa da portare a termine. Attraverso canti, racconti, scenette comiche, monologhi e quant’altro, gli spettatori (che si confida siano tanti) riassaporeranno il fascino di quel mondo genuino e spontaneo che è stato a lungo rappresentato dal “Club Amici Valleggia” e che dal punto di vista artistico ha trovato continuità nel “Gruppo delle Tagliate”. Il massimo fulgore del sodalizio che si  cimentava prevalentemente nelle attività sportive e ricreative, sempre con scopi esclusivamente benevoli e meritori, fu a cavallo tra gli anni settanta e gli ottanta. Si era appieno nel periodo del cosidetto “compromesso storico”,  il nome con cui si indicava in Italia la tendenza al riavvicinamento tra la Democrazia Cristiana e Partito Comunista Italiano. Quello che avvenne a Roma, il 28 giugno 1977 (la famosa storica stretta di mano tra  Enrico Berlinguer e Aldo Moro, i principali fautori dell’opera di riavvicinamento tra le rispettive e opposte forze politiche) si ripropose in miniatura nella piccola realtà valleggina. Il “club” con la sua connotazione bipartisan avvicinò distanze prima incolmabili collocandosi a metà tra la “rossa” SMS Aurora e la bianca “Società Cattolica S.Giuseppe”, divenendo laboratorio sociale e fucina della “terza via”. Come vedete in questo spicchio della nostra amata Liguria non si ha da ritenersi orgogliosi solo per il succoso frutto estivo (l’albicocca) da tutti considerato senza pari. Anche nei valori condivisi dello stare “insieme” (e perché no, allegramente) si è brillato e, a quanto pare, lo si continuerà a fare. Per intanto alla regista dello spettacolo Bruna Taraddei (paladina delle commedie dialettali di goviana ispirazione), alla grafica Valentina Cera, al curatore della fotografia Giuliano Delbuono, alla responsabile delle musiche Marina Gasco (Coro Polifonico), così come a Marco Gerbino presentatore della rimpatriata che vedrà ospiti d’onore Fulvio Galleano, Giovanni Patrone, Bruna Rossi Pirero e Fulvio Grossi, giungano i più sinceri auguri ed incoraggiamenti per la buona riuscita della bella iniziativa. Un pensiero infine, da dedicare con tutto il cuore, agli indimenticabili Franco Recchia e Silvano Colonnelli, recentemente scomparsi, che del mitico gruppo sono stati parte integrante illuminandolo con la loro incontenibile spensieratezza. E’ proprio vero : tra le cose che la saggezza procura per ottenere la felicità, la più grande è l’amicizia.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: