Attualità

Calciando in rete – Quando il pregiudizio non ha limiti

Ha definito con gli epiteti “inguardabile” ed uno “schifo” una assistente donna durante il match di Eccellenza in Campania tra il Sant’Agnello e l’Agropoli e l’Ordine dei Giornalisti della Campania lo ha giustamente sospeso. Protagonista della vicenda il telecronista di una emittente locale salernitana Sergio Vessicchio. «È uno schifo vedere le donne che vengono a fare gli arbitri in un campionato dove le società spendono centinaia di migliaia di euro – ha detto durante la telecronaca di sabato scorso – ed è una barzelletta della federazione una cosa del genere, impresentabile per un campo di calcio». Dura ed immediata la condanna del presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Ottavio Lucarelli: «Il giornalista di Agropoli che ha deriso in diretta durante una partita di calcio una donna assistente dell’arbitro è stato sospeso dall’Ordine dei giornalisti della Campania. Grazie al nostro Consiglio di disciplina». Ed è dura anche la condanna dell’Ussi Salerno che definisce «offese gravi ed inaccettabili che ledono la dignità della persona colpita con ignobili frasi sessiste e che sono lontanissime dai comportamenti dettati dalla deontologia professionale del giornalista ma che dovrebbero essere lontanissime anche dai comportamenti di ogni persona che si definisce civile. Si tratta purtroppo dell’ennesimo episodio di un modo di fare giornalismo che negli ultimi anni privilegia forme di linguaggio volgari».
Anche la Figc ha preso posizione in merito al grave episodio.“Le parole pronunciate nei confronti di Annalisa Moccia da parte di un giornalista sono assolutamente vergognose. Mi auguro che l’ordine professionale prenda provvedimenti seri ed immediati nei suoi confronti. Sono proprio commenti come i suoi a fomentare la violenza fisica e verbale. Poi non dobbiamo stupirci se sui campi ne succedono di tutti i colori – così il presidente della LND Cosimo Sibilia sugli insulti sessisti rivolti all’assistente arbitrale Moccia della sezione di Nola.  “Desidero esprimere tutta la mia solidarietà ad Annalisa – prosegue Sibilia -Le donne arbitro e le assistenti sono una realtà importante nei nostri campionati e sono atlete che si preparano duramente. Sostenere ed incentivare la presenza delle donne in tutti gli ambiti del calcio è una battaglia di civiltà che la LNDconduce con ferma convinzione”. Da parte nostra ci uniamo allo sdegno generale e ci auguriamo che fatti del genere non abbiano a ripetersi. La partita di serie D girone A , Savona -Arconatese (1 a 0), a cui ho assistito allo stadio Bacigalupo è stata arbitrata da Valentina Finzi della sezione di Foligno, con personalità e qualità. Direi quasi perfettamente. Non a caso è stata recentemente designata a dirigere la Finalissima della prima edizione del torneo femminile Viareggio Women’s Cup tra Juventus e Sassuolo. Valentina, arbitro dal dicembre 2001, dopo la trafila nei campionati regionali ha ottenuto nel 2011 la promozione all’Organo Tecnico Nazionale. Nel suo curriculum arbitrale si annovera la permanenza a disposizione della CAI per 2 stagioni, al termine delle quali è approdata alla CAN D dove opera attualmente come arbitro effettivo. Il 16 maggio 2016 inoltre è stata eletta presidente di sezione e nel 2017 è arrivata l’importante nomina di Arbitro Internazionale.
“Sono figlia d’arte – ha spiegato ai numerosi associati presenti alla prima riunione tecnica del mese di febbraio, aiutandosi con alcune slide –, mio padre arbitro, mi portava con sé sui campi di calcio dell’Umbria e mi ha fatto appassionare a questo ruolo fino ad arrivare a svolgere il corso e diventare arbitro effettivo. Credo che nell’esperienza arbitrale la parola coraggio sia importantissima. Coraggio di prendere le proprie decisioni, coraggio nel cercare di vincere la paura, coraggio nel mostrare le qualità tecniche e la propria preparazione per far rispettare il Regolamento sui campi di calcio. Dobbiamo ricordarci sempre che le nostre decisioni sono inappellabili, e quindi dobbiamo tenere sempre a mente la responsabilità che abbiamo ogni Domenica sul terreno di gioco”. 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: