Attualità

Agricoltura: importanza dei contributi europei

A proposito dell’inutilità dell’Unione Europea, di cui tante volte si farnetica, ritorniamo su di un comunicato stampa di Confagricoltura che ribadiva il possibile taglio di 5,1 miliardi di euro all’agricoltura del nostro Paese. Nel settennato 2014-2020 all’Italia sono stati corrisposti 41,4 miliardi di euro di fondi Ue: 27 miliardi di euro per i pagamenti diretti; 10,5 miliardi per il Programma di Sviluppo Rurale (Psr) e 4 miliardi di euro per l’Organizzazione Comune dei Mercati (Ocm). Nel periodo 2021-2027 si scenderebbe a 36,3 miliardi di euro: 24,9 miliardi in pagamenti diretti; 8,9 miliardi per il Programma di Sviluppo Rurale e 2,5 miliardi per le misure di mercato Ocm.

Il ministro dell’Agricoltura, Gian Marco Centinaio, i presidenti e i capigruppo delle Commissioni agricoltura della Camera e del Senato e gli assessori regionali del comparto hanno ricevuto, il mese scorso, il Commissario Ue, Phil Hogan, per esprimere le loro preoccupazioni. La posizione italiana si può riassumere nel determinato: “Non possiamo chiedere ai nostri agricoltori altri sacrifici”.

Tanto per ribadire che suio contributi europei all’agricoltura si fa affidamento.

Si parla poi di scelte europee per la nostra agricoltura “sempre penalizzanti” e giustamente si ricorda che” il mondo rurale del nostro Paese è una ricchissima cesta di eccellenze in tutti i settori di produzione. Controllate e garantite dal punto di vista della qualità e della sicurezza alimentare. Molti imprenditori giovani continuano coraggiosamente le attività dei loro padri e dei loro nonni. Innovando e investendo. L’agricoltura rappresenta un pilastro dell’economia nazionale. ”

Comunque i fomndi europei , come metteva in luce il”Sole 24 Ore” lo scorso anno diminuiranno per tutti, poichè la bozza di riforma della Politica agricola comune per il periodo 2021-2027, eleborato nel 2018, doveva tenere conto del calo dei contributi della Gran Bretagna, in uscita dalla Ue.

Cosiì il “Sole 24 ore: “Il budget complessivo a disposizione dei Paesi membri sarà di 365 miliardi di euro, pari a circa il 30% del plafond di tutta l’Unione, con una riduzione del 5% rispetto ai 373 miliardi stanziati per il periodo 2014-2020. Per l’Italia, la quota sarà del 6,9% inferiore a quella della precedente programmazione: nel dettaglio, 24,9 miliardi saranno erogati sotto forma di pagamenti diretti, 8,9 miliardi andranno allo sviluppo rurale e 2,5 miliardi saranno riservati alle misure di mercato.

Così ancora il quotidiano economico: “Per gli agricoltori italiani, i contributi diretti diminuiranno di 1,9 miliardi di euro; i francesi invece, che restano i destinatari della fetta più alta dei fondi europei all’agricoltura, perderanno 3,7 miliardi. L’Italia è il quarto Paese per ammontare di finanziamenti Ue destinati all’agricoltura, con 36,3 miliardi previsti dalla riforma della Pac. Dopo la Francia (62,3 miliardi), ci sono la Spagna (43,7) e la Germania (quasi 41 miliardi).

La Commissione ha ribadito che gli Stati membri avranno una maggiore flessibilità nell’uso dei fondi assegnati, per elaborare programmi su misura mirati sulle esigenze specifiche degli agricoltori e delle comunità rurali. Gli Stati potranno anche trasferire fino al 15% dei fondi Pac dai pagamenti diretti allo sviluppo rurale e viceversa, per assicurare il finanziamento delle proprie priorità. Gli Stati dovranno definire piani strategici per l’intero periodo, che la Commissione dovrà approvare per poi monitorare i risultati ottenuti.”

Miti un po’ da sfatare pertanto quelli che vorrebbero l’Italia, in Europa, sempre ai margini e Cenerentola; è vero, invece, che, nell’Unione, chi abbandona, finisce con danneggiare tutti; i vincoli europei sono avviati e, specie nel campo dell’Agricoltura, la politica comune è di prima importanza.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: