Attualità

Area di crisi complessa: problemi in più

Andrea Pasa, segretario generale della CGIL di Savona, ritorna sulle problematiche inerenti l’Area di crisi complessa del Savonese, a seguito della presentazione dei progetti ad Invitalia, di cui tre sono stati esclusi. Così si esprime l’esponente CGIL: “Dopo le notizie stampa in cui si apprendeva che la società Invitalia – Ministero dello sviluppo economico – aveva “bocciato” tre dei quindici progetti industriali arrivati grazie al bando nazionale x le risorse della legge 181 – oltre 20 milioni di euro, per investimenti sopra il 1,5 ml di euro-abbiamo ritenuto necessario chiedere un incontro alle istituzioni locali per coordinare un passaggio del territorio proprio con il ministero.

Questo incontro si terrà martedì 30 aprile alle ore 12.30 presso la Provincia di Savona con il presidente Oliveri; è necessario che tutti remino dalla stessa parte. L’obbiettivo deve essere uno e uno soltanto, rilanciare l’economia di questa provincia e soprattutto costruire nuovi posti lavoro. Il tutto lo si può fare solo in un modo, con investimenti pubblici e privati. Difendendo quello che c’è ed è in profonda difficoltà – Piaggio, Bombardier, Laerh, filiera del carbone, Mondomarine, ecc. – ma soprattutto per attirare nuove investitori e quindi nuove attività produttive.

Senza di ciò sarà impossibile uscire da questa drammatica situazione che vede la Liguria e soprattutto Savona essere tra i territori che non hanno agganciato negli ultimi 3 anni la timida ripresa ma anzi hanno accentuato il gap negativo con tutte le altre zone del nord Italia e portano la nostra Provincia ad essere tra le ultime.

Chi omette questo non soltanto è miope, ma rischia di danneggiare un percorso iniziato nel 2014 e che ha portato oltre 50 ml di euro sul territorio. Le amministrazioni locali – tutte-senza distinzione in questi ultimi due anni poco hanno inciso nei confronti del ministero e della Regione per iniziare a “spendere” le risorse che sono allocate per fare partire finalmente le politiche attive e la formazione necessaria per centinaia di persone che oggi si trovano senza lavoro e senza percorsi formativi.

Ci sono oltre 40mila persone in Liguria – i cosidetti Neet- che non trovano risposte pur in presenza di risorse”.

Che la categoria NEET – acronimo inglese per “not (engaged) in education, employment or training”, ovvero persone non impegnate nello studio, né nel lavoro né nella formazione – raggruppi così tanti soggetti, è, per il Savonese, in segnale inquietente che deve far seriamente riflettere!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: