Attualità

” Oggi è finito il mio tempo”

” Oggi è finito il mio tempo”

Poi si rivolge alla moglie, ai suoi bambini, alle persone più care, agli amici, a chi lo ha assistito. E ringrazia il padre e la madre di avergli donato la vita. Cosi se ne va Cristiano Ramognino a 51 anni. Facendosi il manifesto da solo, negli ultimi momenti di vita. Ma non si ferma a questo. Redige uno scritto da esporre nella camera mortuaria dell’obitorio. Sulla porta. Prima che la gente possa vederlo senza la vita dentro. Non è tanto la giovane età ad avermi colpita profondamente. Si muore anche molto prima. Forse neanche il fatto dell’abbandono di una famiglia con due bambini. Ma quante volte succede ad ogni latitudine… Siamo quasi assuefatti allo sgomento e ci viene da pregare Dio che non capiti a noi. Ma è un momento. Dimentichiamo subito dopo. Cio’ che capita sovente è più facilmente superabile se non esiste conoscenza. Ma per Cristiano tutto è stato diverso. Ha voluto lasciare una testimonianza proprio mentre transitava. Ha raccolto le forze per questo e una lucidità quasi poco spiegabile. Per dire che anche in un momento di non ritorno possiamo amare tantissimo, impartire un insegnamento futuro e invitare a non piangere e a godere della vita quando c’è. L’ha fatto con dignità suprema, quasi celestiale. Ha fermato l’amore verso la moglie in un attimo eterno. Ha mandato un messaggio ai figli che scorrerà senza un tempo. Poche righe che insegneranno a loro a comprendere quanto valoroso fosse il padre e quale anima nobile possedesse, quanto amore provasse per loro e per quella vita che va sempre vissuta senza troppe domande. Ha insegnato loro la dignità, il decoro. l’amicizia che non è solo corollario, ma sa essere parte integrante di noi, la carità. l’aiuto. Ora sono piccoli. Sentiranno il dolore forte della mancanza vera. Ma si addolcirà col tempo. I suoi ultimi momenti hanno lasciato un vagone di amore e di educazione che non basterebbero mille anni, che sarà sempre alla loro portata, se fruibile per attingere forza nelle difficoltà. In sua assenza seguiranno quelle parole. Per ricominciare, per andare avanti, per crescere. Quei due scritti sono un pugno nello stomaco. Potente. Uno strappo del cuore. Uno dei più alti atti di generosità che io abbia mai visto. Io non ti conoscevo Cristiano, nonostante un cognome che accumuna nelle origini sassellesi, ma mi hai trapassato il cuore da parte a parte per poi farmi sorridere con la tua invincibile ironia. Quella che appartiene alle persone grandi.

” Fate del bene, come potete, a chi volete”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: