Attualità

Primo maggio: lavoro e cifre

Domani Primo Maggio, festa ed impegno, fave e salame e coscienza civica, scampagnate e ricordi della storia, concerto ormai tradizionale in Piazza San Giovanni a Roma e problemi dell’occupazione. Perchè Primo Maggio e Lavoro appare un binomio inscindibile. Quest’anno lo vorremmo dedicare anche al lavoro, un po’ strano, dei varo osservatori che, un giorno diffondono un numero, il giorno dopo, letteralmente, ne diffondono u8n altro, sembra che più che diffondere, “diano” i numeri. Abbiamo appena pubblicato, il 25 aprile scorso – “Occupazione in provincia di Savona” di Giorgio Siri – dati della CGIL da fonte Istat che annunciavano una situazione diversa, per il savosese, da quella dim seguito illustrata; le fonti saranno anche diverse, ma la confusione, già evidenziata, non solo sul lavoro, è sempre la stessa! Invitiamo a confrontare l’articolo del 25 aprile con il presente!

Il lavoro nelle imprese cresce nell’ultimo anno, secondo i dati elaborati dalla Camera di commercio di Milano su dati del registro imprese al 2018 e 2017, con 331 mila addetti dichiarati dalle imprese in più in Italia (+2%) toccando quota 17 milioni. In Liguria, con 375 mila addetti, ci sono circa 3.700 lavoratori in più in un anno (+1,5%). In Italia la provincia di Milano è prima per numero di addetti delle imprese con 2,2 milioni, seguita da Roma (1,5 milioni), Torino (751 mila) e Napoli (567 mila). I settori con più addetti sono il manifatturiero, con 3,8 milioni, seguito dal commercio con 3,3 milioni e dai servizi di alloggio e ristorazione (1,7 milioni).

In Italia il 14,7% degli addetti (2,5 milioni) lavora in imprese femminili, in Liguria il 17,8% (quasi 67 mila, con un calo superiore al 10% rispetto a cinque anni fa. Se per numero di addetti delle imprese femminili prime sono Roma (179 mila), Milano (148 mila) e Napoli (100 mila) è a Benevento, Prato, Enna e Frosinone che le imprese femminili danno più lavoro, con circa un posto su quattro. Quanto alle imprese straniere. Il 5% degli addetti italiani, circa 905 mila, lavora in imprese con titolare non italiano, un dato in crescita del 5,6% in un anno. In Liguria sono oltre 26 mila, pesano il 7,0% sugli addetti totali e sono aumentati del 25,1% rispetto al 2013. Prime province per stranieri datori di lavoro sono Prato col 34% degli addetti totali del territorio, poi Firenze, Imperia e Teramo (10% circa).

In provincia di Savona gli addetti delle imprese – senza considerare quindi l’intero apparato della pubblica amministrazione – sono 68.739, in crescita dell’1,8% rispetto ai 67.503 di fine 2017 ma solo dello 0,1% rispetto al 2013 (68.689). Le imprese femminili occupano 14.465 addetti (21% del totale), quelle giovanili 4.017 (5,8% del totale degli addetti) e quelle straniere 4.301 (6,3% del totale). Gli addetti nelle imprese femminili sono diminuiti del 10,2% rispetto al 2013, quando erano 16.107, mentre i lavoratori nelle imprese straniere sono aumentati del 9,6% (erano 3.925).

Suddivisi per settore, i lavoratori “privati” della provincia di Savona sono per la maggior parte addetti al commercio (15.385) e ai servizi di alloggio e ristorazione (13.472); seguono il manifatturiero (8.368), le costruzioni (7.914) e l’agricoltura (4.793). Distanziati, le attività di trasporto e magazzinaggio (3.137), le attività artistiche e sportive (2.816), le agenzie di viaggio ed i servizi per le imprese (2.688), la sanità privata (2.338), gli altri servizi (2.242). Le attività immobiliari occupano 1.079 persone, quelle professionali, scientifiche e tecniche 1.057, i servizi idrici e di depurazione 1.011. Sotto i mille addetti le attività finanziarie e assicurative (831), i servizi di informazione e comunicazione (799), l’istruzione privata (685). L’industria estrattiva occupa 71 addetti e i servizi elettrici e gas 43.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: