Attualità

INFIORESCIENZA – Cannabis Terapeutica, passi avanti in commissione regionale sanità ; “ bene l’avvio della produzione di olio di cannabis in ASL3, ma restano da risolvere la continuità di approvvigionamento, la diffusione del prodotto in Liguria e la formazione dei medici prescrittori

Giovedì 9 maggio, l’ associazione InfioreScienza ha partecipato a un’importante audizione in
commissione regionale sanità riguardante i centri terapia del dolore, le cure palliative e le questioni
legate all’utilizzo e all’impiego della cannabis terapeutica a uso medico sul territorio ligure.
L’audizione, promossa dai co nsiglieri regionali Gianni Pastorino e Francesco Battistini del gruppo
Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria, ha permesso all’associazione di fornire un quadro generale
sulle difficoltà incontrate dai pazienti in cura con la cannabis terapeutica. «Come già in altre
occasioni, abbiamo sottolineato i problemi di cui la Liguria continua a soffrire : la cronica carenza
di sostanza, la distanza dei centri di produzione di Savona e Sestri Levante rispetto al capoluogo, il
basso numero di medici prescrittori soprattutto in ASL3 – dichiara Valentina Zuppardo, presidente
di InfioreScienza – . E poi c’è la disputa sulla titolazione dell’olio di cannabis che, a nostro giudizio,
dovrebbe essere eseguita da un Ente pubblico; facilitando così la produzione e la distribuzione
dell’olio stesso »
« Durante la commissione di ieri , i dirigenti di A.li.sa e ASL3 hanno riportato notizie importanti ,
anche frutto dell’attività che Infiorescienza ha svolto nell’ultimo anno e mezzo sul territorio ligure.
Anzitutto ci è stato comunicato che, da pochi giorni, ASL3 ha avviato la produzione dell’olio di
cannabis – prosegue Zuppardo – . Non solo: si sta lavorando con decisione affinché sia il Gaslini, sia  il laboratorio di Sarzana ASL5 , diventino i soggetti pubblici di riferimento per la titolazione
dell’ olio ».
Tuttavia, restano ancora sul tappeto questioni particolarmente complesse . Prima fra tutte, la continuità  di approvvigionamento della sostanza: un problema che dipende da scelte nazionali, ma che chiama in causa anche la capacità di programmazione, previsione e coordinamento in capo alla Regione. «I problemi da risolvere sono ancora molti. Oltre l’approvvigionamento, ribadiamo la necessità di intensificare i corsi di formazione per i medici prescrittori, in modo da incrementare la
consapevolezza degli operatori sull’utilizzo della cannabis terapeutica a fronte di un protocollo
attento e di risultanze scientifiche appropriate – sottolinea Zuppardo – . Inoltre , resta valida
l’opportunità di avviare convenzioni con le farmacie, soprattutto in ASL3, per rendere più diffusa e
capillare la produzione di olio di cannabis; una strada, quest’ultima, già percorsa in altre ASL della
Liguria. Questa soluzione supererebbe uno dei problemi più spinosi: l’obbligo, per i pazienti, di
doversi recare a Savona e Sestri Levante per ottenere il prodotto e quindi assicurarsi la continuità
terapeutica. In definitiva , l ’obiettivo prioritario è fare quanto necessario per aumentare le
prescrizioni, in modo mirato e consapevole ».
«In conclusione, consideriamo positivi gli esiti della commissione consiliare di ieri. Ma continueremo
a tenere alta l’attenzione sui nodi ancora da sciogliere, in particolare sulla produzione e sulla
titolazione dell’olio di cannabis – conclude Zuppardo – . Questi i passaggi essenziali pe r consentire, da subito, un miglioramento delle condizioni di vita quotidiana dei pazienti». www.infiorescienza.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: