Attualità

Calciando in rete – Quando il calcio è passione

Arrigo Sacchi ha recentemente ricordato così la vittoria della Coppa dei Campioni del 1989 a Barcellona contro la Steaua Bucarest : “E’ stato qualcosa di inimmaginabile. “Non avevamo mai sognato nemmeno noi una cosa così grande”. Questa dichiarazione ci ha offerto lo spunto per ritornare su questo grande personaggio, autodidatta ed innovatore.

“Ho avuto tanta fortuna nella mia vita. In tanti pensano che la più grande fortuna sia stata quella di avere dei grandi giocatori. Ma prima di tutto, la mia grande fortuna è stata quella di trovare delle società serie, competenti, con delle pianificazioni a lungo termine, con la pazienza. Le mie partenze sono sempre state disastrose. Anche perché se vuoi costruire una baracca, non servono fondamenta profonde. Ma se vuoi costruire un grattacielo devi fare fondamenta profonde” queste sue parole sagge gli rendono merito. “Chi ha conoscenze, lavora con i giovani. Perché i giovani sono più recettivi, hanno più entusiasmo, hanno più generosità, hanno una capacità di apprendimento migliore. Chi non ha conoscenze, non può prendere i giovani. Se sei condizionato dal successo e dai soldi, ben che vada hai messo delle barriere insuperabili perché tu possa esprimerti completamente. I soldi e il successo devono essere una conseguenza e non un fine. Il fine deve essere la passione per quello che fai, il perfezionismo che hai, la volontà di migliorarti, la certezza che tu possa fare di più e meglio. Nell’antica Grecia, la cultura del perfezionismo era alla base di ogni ambito della vita Dopo seguiva l’eccellenza, che significa che anche dopo una vittoria, devi sempre cercare di superarti e fare meglio.Ho sempre pensato che ossessione fosse arte, ho sempre pensato di dare tutto senza risparmiarmi”. Ripercorrendo i suoi illustri e gloriosi trascorsi : “Nel Milan avevo trovato prima di tutto una società importante e organizzata, dove avevi un senso di appartenenza, una società che non mi ha mia tolto autorevolezza, una società che aveva un obiettivo grande, un grande sogno. Quando arrivai Berlusconi mi disse: ‘dobbiamo diventare la migliore squadra del mondo’. Gli risposi ‘può essere frustrante e anche limitativo’. Quando la rivista britannica World Soccer, la bibbia del calcio, stabilì che il Milan del 1989 era stata la miglior squadra di ogni epoca, dissi a Berlusconi ‘ha visto perché poteva essere limitativo essere i migliori del mondo?’.Non dobbiamo mai porci limiti, ma il nostro obiettivo non deve essere vincere, ma fare le cose bene. Per me i soldi non erano importanti. Quando andai al Milan presi meno di quanto percepivo al Parma. Firmai in bianco, premiai il loro coraggio. Per me importante era insegnare calcio, dare un’idea di gioco importante, creare qualcosa che fosse armonioso”. Sacchi ha poi passato al setaccio la situazione del calcio giovanile italiano.”I campioni bisogna allevarli dando di conseguenza molta più importanza ai vivai”. Sotto i suoi occhi di ex responsabile delle nazionali giovanili e da attento osservatore del calcio (nazionale e internazionale) quale è, ritiene che Mancini stia provando a lavorare sul futuro, partendo dai giovani. “E’ un percorso lungo, che va avanti da un bel po’ – sostiene – e che ha portato a provare a ripartire. A volte, sembra che il nostro calcio sia stanco, tanto da risultare fermo rispetto ad altre realtà”.Forse il calcio rappresenta per certi verso lo specchio del paese? gli è stato chiesto. “Non c’è dubbio. Manca la voglia e la forza per rinnovarsi. Noi siamo lenti, quando non addirittura fermi, mentre gli altri accelerano. Succede nel calcio come in altri settori”.

Da dove bisognerebbe cominciare? “Innanzitutto, dalla cultura sportiva: una robusta iniezione aiuterebbe il nostro calcio a ripartire, visto che in questo campo abbiamo sempre lasciato a desiderare. Quello dovrebbe essere il punto di partenza, il resto poi arriverebbe di conseguenza”.
Passiamo al resto. “C’è una base fondamentale, nel calcio come nella vita: i giovani. Una maggior attenzione verso la politica dei settori giovanili è qualcosa di basilare, e questo lo dimostra il grande calcio europeo: le squadre migliori spendono tanto, ma allevano anche molti calciatori in casa”. E’ una questione di risorse? “Di attenzione, più che altro. I settori giovanili necessitano di risorse economiche, ma molto inferiori rispetto a quelle che si investono per comprare calciatori da fuori. E’ la programmazione che serve: al Chelsea, tanto per fare un esempio, dedicano dalle 16 alle 20 ore settimanali alle Academy in cui crescono i giovani, da noi si dedica molto meno tempo. E negli altri Paesi calcisticamente avanzati le strutture sono spesso all’avanguardia, anche quando parliamo di Academy. Da noi ho visto giocare partite di campionati giovanili su campi quasi indecenti”.
Le strutture non dovrebbero essere una delle basi da cui partire?
“Certo, a tutti i livelli”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: