Attualità

Revenge (vendetta)

Revenge (vendetta) è uno strumento di tortura, per un rapporto finito male Per condividere non basta più parlarne, serve conferma, vedere prove, con foto. Acconsentendo si spera in una seduzione, invece di un rapporto, trovano la distruzione. Finché permane rapporto, cementifica, lega, ma quando finisce è vita dura, spaccata in 2, prima e dopo. Mandami altre foto, video osé, se no diffondo tutto in rete. Mi ha chiesto se inviavo foto personali un po’ provocanti, poi un’amica mi informa che sui social c’erano foto mie, una nuda. Non basta inviarle al giro di amici e conoscenti, pur grave, ma peggio inserirle sui social, con commenti esagerati, costruire un apposito sito, magari con falsi profili e tutti possono vedere, sino a conseguenze tragiche, per la paura, non si può sapere che succederà. Fanno malissimo le foto ma soprattutto i commenti inseriti, ti senti sporca, ferita, non sai che fare e quando decidi di informare la Polizia spesso è tardi. Molti, oggi, sono gli strumenti per fare foto e facilmente si possono duplicare immagini, condividerle per curiosità ed è mostra di momenti di intimità. D’Annunzio è stato un maestro precursore dei tempi, aveva specchi per essere attore protagonista e spettatore. Vecchi i sistemi a circuito chiuso, siamo lontani ti vedo,ti sento, uno scambio a circuito chiuso, ora può girare in tutto il mondo. Da un sondaggio risulta che nel 52% dei telefoni degli Italiani ci siano foto intime, ma solo una minima parte si rende conto del rischio. Non solo sui social ma anche con whatsapp e quanto possano girare, aver girato. Spesso si tratta di parecchie foto e tolta una ne possono spuntare 100, impossibile farle sparire, sparite si possono riinserire Il detenere, diffondere(inserire sul sito o inviarle in messaggio) e non solo la comunicazione è illecita, ma anche il solo tenerle nel telefono è reato Il protagonista di solito, ne è informato in via indiretta e non può farci nulla, a poco serve chiedere l’oblio; supera la diffamazione come gravità, è un linciaggio mediatico che distrugge e nessuno pensa alla fake news, nessuno interviene in difesa. Non accade solo tra adolescenti ma anche tra adulti. Nella maggior parte dei casi sono donne, contro donne, le più gelose, cattive, accanite, assetate di vendetta, invidiose, sono aggressive e violente. Spesso le vittime non hanno piena consapevolezza di quanto succede, spesso tacciono per paura che denunciando si abbia amplificazione della notizia, invece tutelano gli aggressori. Spesso non si sa che oltre alla condanna penale è possibile chiedere un indennizzo economico in sede civile. Serve denunciare, intervenire subito per interrompere, arginare. Oggi le denunce si possono fare anche anonime sui social e all’Osservatorio Nazionale per l’Adolescenza, senza l’intervento dei genitori per gli under 14. I sistemi, le macchine efficaci per cancellare, ci sono. Curioso, una volta avuto l’imput di vestito rosa, hanno cancellato parecchie foto della Regina Elisabetta perché aveva indossato vestiti rosa. Una proposta di legge che definisce reato la diffusione, non autorizzata di immagini intime, è stata approvata, in Italia, da tutte le forze politiche alla Camera, poi ci sarà il passaggio al Senato. Le pene previste: sino a 6anni di carcere e15mila euro di ammenda. In Inghilterra è attiva una interessante, sperimentazione atta a prevenire molestie a donne in locali pubblici, possono chiedere aiuto al bancone bar. Un progetto analogo sarà attuato nel Lazio, avrà come parola d’ordine “Angela” per chiedere aiuto

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: