Attualità

Sport e salute

“Sport e salute”, un binomio che suona bene alle nostre orecchie, ma che lascia agli addetti al lavoro troppe perplessità. Sarà anche perché noi italiani ci mettiamo molto tempo a capire le novità e a metabolizzare i cambiamenti, soprattutto quando sono troppo repentini. Ma resta il fatto che pochi hanno compreso o intuito quello che sarà lo sport nell’imminente nostro domani. I più scettici dicono che la salute ci potrà, almeno speriamo, pur esserci, ma che lo sport sarà sempre meno e, fatto con maggiore difficoltà. Non si riesce in effetti a comprendere che fine misteriosa farà il Coni che è, è stato e dovrà restare il massimo ente sportivo nazionale. Non si comprende nemmeno da che fonte arriveranno i soldi per praticare lo sport, a chi verranno destinati e come verranno utilizzati sopra tutto nelle periferie ove, solitamente, arrivano solo gli avanzi e le briciole del banchetto. Le federazioni sportive e gli enti di promozione sportiva, che ruolo avranno, come verranno finanziati per capillarizzare anche perifericamente la loro attività? Si ha la chiara e netta impressione che i quattrini non basteranno e che si andrà incontro a momenti ben più tristi di quelli sportivamente stiamo vivendo oggi. Sono in tanti, poi, a non aver capito il perché di tutto questo cambiamento ed a credere che il Coni andasse potenziato, con il ripristino attivo dei comitati provinciali che ben conoscono le realtà locali ritenendo forse inutili, i comitati regionali che dovrebbero avere solo il compito di controllare l’attività dei comitati provinciali. Purtroppo viviamo in un’Italia dove i cambiamenti, seppur fatti in buona fede, non portano mai gli effetti sperati per cui molti sono convinti (ed io sono certo tra questi), che anche nello sport si rischia di fare dei notevoli passi indietro. A patirne, ancora una volta, non saranno i soliti ricchi e benestanti, ma le piccole società sportive dilettantistiche che, non devo certo ricordare io, sono e rappresentano la vera ossatura dello sport nazionale. Oggi queste Asd, senza aiuti e sostegni economici di nessun genere, vanno avanti finché potranno, solo ed unicamente, con le loro possibilità! Anche le piccole federazioni sportive rischiano, ed in parte già lo sono, di andare allo sbando trovando unico rimedio quello di accanirsi con tasse sempre maggiori, sulle stesse Asd che ne sono, per forza, a loro affiliate. La comune idea che si è ormai cristallizzata in moltissimi operatori sportivi, è quella che lo sport sia diventato preda degli egoismi politici ben sapendo che sport e politica hanno ben poco da spartire e che ciò rappresenta un matrimonio destinato presto a fallire. Un cambio che rischia di mandare a catafascio quanto di buono era emerso negli ultimi decenni, almeno fino a quando il Coni poteva gestire somme di denaro con cui ha fatto crescere tutte le discipline sportive. Adesso anche il Coni è alla frutta e non può più aiutare nessuno.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: