Attualità

Bilancio negativo del turismo invernale

ll meteo ha contribuito a determinare il trend non proprio positivo del movimento turistico dei primi tre mesi in provincia di Savona, ma avrebbe dovuto far sentire i propri effetti negativi in maniera omogenea sul territorio. Invece l’analisi dei dati rivela che i diversi centri climatici della Riviera hanno registrato degli andamenti notevolmente diversificati, alcuni in profondo rosso, altri con il segno più. Nel dettaglio, mentre Loano ha fatto segnare un -5,7% nelle presenze (91.376), più o meno in linea con il dato medio provinciale attestato a -5,5%, il movimento turistico di Finale Ligure è crollato del 10,8% rispetto al corrispondente periodo del 2018 (75.666 pernottamenti). E non molto lontano, verso ponente, Alassio ha aumentato le presenze dell’1,5% rispetto allo scorso anno (145.819), in netta controtendenza, e addirittura un +14,2% negli arrivi (34.127). Sono i numeri dell'”osservatorio” che contraddicono la solita solfa dell’inverno poco freddo dovuto ai cambiamenti climatici ed in effetti, dopo le due perturbazioni che hanno portato nevicate nell’immediato entroterra e, per quanto rigarda la prima, anche sulla costa, anche se per un giorno, il mese di febbraio è stato,è ben si riocorderà, abbastanza mite, con giornate che sembravano anticipare la primavare; provare, per credere, a ritornare sui telegiornali, visto che oggi la “multimedialità” lo permette!

Comunque pare che a determinare un bilancio molto diverso fra le tre città sia stato un unico fattore: il crollo dei turisti stranieri, molto limitato ad Alassio (e più che compensato dai maggiori arrivi italiani), ma notevolissimo a Loano od a Finale Ligure e concentrato soprattutto nel mese di marzo. A Loano le presenze di clienti stranieri sono diminuite nei primi tre mesi del 2019 del 24,2% ed a Finale Ligure addirittura del 45,7%, praticamente dimezzandosi (da 20.700 a 11.300). E poiché gli stranieri prediligono più degli italiani soluzioni alternative al soggiorno in albergo, a soffrirne maggiormente sono stati gli esercizi extra-alberghieri, che a Loano registrano perdite del 10,4% a fronte di un -4,8% degli alberghi e a Finale Ligure crollano del 22,9% mentre gli alberghi perdono “solo” il 7%. Alassio di conferma anomalo in senso positivo, con una crescita dell’1,2% per gli esercizi alberghieri e un incremento del 3,2% per le strutture extra-alberghiere. E comunque l’inverno è inverno anche qui; il bel tempo arriva con la primavera e l’estate!

 

Immagine da: ANSA

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: