Attualità

I “sogni” dei ragazzi del Ferraris-Pancaldo di Savona sulle pareti del reparto di psichiatria del San Paolo

E’ stato illustrato, alla presenza dei ragazzi coinvolti, del Commissario Straordinario dell’Asl2, dei docenti dell’istituto, del dirigente scolastico e di alcuni medici del reparto, il progetto a cura degli studenti delle classi 2E e 3E che prevede la presenza di circa 50 disegni affissi sulle pareti del reparto di psichiatria dell’Ospedale San Paolo di Savona.

“Ringrazio i ragazzi per questo magnifico lavoro”, ha dichiarato il commissario straordinario dell’Asl2 Paolo Cavagnaro, “e voglio dire che, così facendo, si va incontro alla fragilità visto che questa malattia può colpire tutti. Molti anni fa la Riforma Basaglia ha aperto i manicomi e noi qui trattiamo la fase acuta della malattia; ringrazio tutti a nome dell’Asl e sono convinto che questo progetto sia molto importante perchè occorre attenzione a questi luoghi e voi studenti avete pensato, da fuori, a questo posto e le persone qui vengono curate per poi poter tornare tra gli altri. La collaborazione tra la scuole ed il dipartimento di salute mentale è molto importante e questi disegni hanno come obiettivo quello di abbellire i muri del reparto del San Paolo. Un grazie particolare va a questi giovani che portano vita in un reparto transitorio come questo”.

Stessa soddisfazione da parte di Alessandro Gozzi, dirigente dell’Istituto Ferraris-Pancaldo :”Ringrazio per questa bellissima opportunità e voglio dire che una proposta del genere è insolita ma noi l’abbiamo accolta bene e spero che i ragazzi siano orgogliosi dei loro lavori. In occasioni del genere i nostri studenti danno il meglio di loro stessi”.

“Sono molto grata per questo progetto e voglio dire che è nato tutto da un incontro”, sottolinea una docente dell’istituto, “e sono convinta che c’è stata una conoscenza ed una formazione d’identità importante. Il nostro coinvolgimento è stato profondo e ringrazio tutti”.

“Questa è stata una collaborazione fantastica”, afferma Roberto Giannotti, insegnante di disegno dell’istituto, “ed in questo modo abbiamo spezzato i muri di un reparto solitamente chiuso. I ragazzi hanno conosciuto l’energia positiva della vita e si sono scatenati positivamente con entusiasmo e consapevolezza di dove sarebbero andati i lavori”.

“La scuola è aperta agli stimoli del territorio e l’idea di portare qui i sogni dei ragazzi come terapia per i pazienti è molto bella”, riprende il dirigente Gozzi, “e voglio dire che abbiamo abbinato la parte grafica con quella della ricerca e quella della condivisione con un bellissimo risultato”.

“Sono molto emozionata ed avere qui persone come voi è estremamente raro perchè siete una sorta di luce per sperare. Vi ringrazio di tutto con la speranza che il rapporto possa proseguire”, conclude uno dei medici coinvolti.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: