Attualità

Scontro finale ad Albenga

 

 

Ci si prepara allo scontro finale, ad Albenga; Calleri e Tomatis, forti, adesso, rispettivamente del 44% e del 40% dei voti, cercano di stringere le file dei possibile elettori; sembra essere determinante,per la vottoria dell’uno o dell’altro,Diedo Distilo, il “capitano” della lista “Aria Nuova per Albenga” che si sente investito del ruolo di “ago della bilancia” e,in ciò,si ritiene vincitore: “Soli, senza partiti, senza simboli, senza santi in paradiso, senza mega point a disposizione, siamo riusciti a convincere  più del 10 %  degli albenganesi” aveva tenuto a sottolineare l'”outsider” delle Torri,aggiungendo: “la nostra squadra coesa e compatta ha dimostrato che i cittadini comuni possono e devono occuparsi della pubblica amministrazione poiché non serve essere “professoroni della politica ” per avere il coraggio di esprimere le idee per la propria città. Noi Siamo in grado di portare a votare le circa 1500 persone che ci hanno votato poiché si fidano di noi e sanno che siamo liberi e senza “peli sulla lingua” per tanto una volta finita la riflessione saremo pronti a sostenere la “nostra ” proposta l’importante che gli impegni vengano sottoscritti e formalizzati anche attraverso le formule previste dalle legge in caso di ballottaggio.Siamo sempre stati  gli unici in tutta la campagna elettorale a saper proporre idee lungimiranti con una visione della città da qui a trent’anni e, proprio questo sarà il tema più importante della nostra riflessione per il ballottaggio”. Ben convinto di tali propositi con chi starà Distilo? Si è riservato di dichiarare pubblicamente quale lista appoggerà,mettendo come condizione che “La scelta importante che faremo e renderemo pubblica da qui a qualche giorno è basata sul programma e non sulle seggiole ovvero non molleremo di un “centimetro ” sulla costituzione della nuova società pubblica che gestendo le manutenzioni dia da vivere ai nostri concittadini disoccupati e bisognosi cosi come non molleremo di un “millimetro” sul rilancio turistico di Viale Che Guevara trasformandolo nel viale del turismo ingauno. Questi i punti fondamentali per un nostro possibile coinvolgimento nel ballottaggio”. E così ancora si esprime sulla forza del suo raggruppamento:“Domenica Albenga ha votato dimostrando che noi siamo una forza importante della città  ora lanciamo la palla ai due candidati Sindaco  per farci sapere cosa pensano sui due temi che abbiamo a cuore affinché successivamente possiamo trarre le conseguenze. Per finire vogliamo far presente che i nostri voti totali delle due liste civiche , di fatto una , hanno superato liste di partito da sempre esistenti.”

Per parte loro due “big” così si esprimono: Gerolamo Calleri: “L’esito delle urne ha parlato chiaro: la maggior parte degli albenganesi ha preferito i programmi di cambiamento rispetto a quelli in continuità con le politiche dell’amministrazione uscente. Da parte nostra, nessuna preclusione nei riguardi delle proposte che si pongono in discontinuità con quanto visto negli ultimi cinque anni o che riprendano il lavoro di precedenti amministrazioni del centrodestra interrotto dalla gestione della sinistra. Nei programmi delle altre liste escluse dal ballottaggio ho trovato punti programmatici interessanti, in alcuni casi molto simili se non analoghi ai nostri, sui quali sicuramente si può ragionare e trovare una convergenza. Nessun pregiudizio: l’unico punto fermo, di cui siamo certi e che rivendichiamo, è raccogliere e valorizzare la volontà di cambiamento rispetto alle politiche del PD e della sinistra”; RiccardoTomatis così afferma, rivolgendosi in particolare a Distilo:Siamo certamente aperti al dialogo sulla realizzazione di una società pubblica per la gestione di alcuni servizi, naturalmente tutto nel rispetto della trasparenza e delle regole. Su viale Che Guevara da parte mia nessun problema a studiare un modo per valorizzare quella che è una parte decisamente importante di Albenga. Credo che il tessuto economico presente debba essere salvaguardato, ma sicuramente ci sono margini per migliorare questa zona”.

Così la contesa è aperta: non rimane che attendere il “pronunciamento di Distilo.

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: