Attualità

Lettere di minaccia a Claudio Strinati

Un’ ulteriore lettera anonima con pesanti minacce, è stata recapitata oggi, al Presidente della azienda di trasporti savonese Claudio Strinati. La terza missiva in due giorni che insieme alle altre è all’esame della Digos per fare luce su quanto accaduto. Una intimidazione che stupisce sia per le prepotenti parole minatorie rivolte all’ avvocato e ai famigliari, sia per il sincronismo perfetto con cui, per l’ennesima volta, arriva alla vigilia della scadenza di mandato del presidente della partecipata, come accadde nel 2016. Gesti prepotenti e vili per l’ impossibilità di replica ed eccessivi, se contestualizzati alla attuale realtà della TpL, pure in vista del divenire di fatti aziendali che” dovrebbero” considerarsi normali e fisiologici. “ Una vigliaccata prendersela con i mei famigliari”, sono cose antipatiche che lasciano il segno. Si può dire a me qualsiasi cosa ma sui famigliari non lo accetto. Sono molto disgustato”, afferma amareggiato Claudio Strinati, che per la sua attività di avvocato, un passato da procuratore sportivo nonchè da sempre impegnato in politica, nelle file del Partito Democratico, è persona molto conosciuta . Dal 2013 in carica come Presidente di TpL con rinnovo del mandato nel 2017, ed in scadenza in concomitanza con l’approvazione del bilancio dell’esercizio amministrativo 2018 . “ Sono abituato a combattere e a mettere entusiasmo nelle cose che faccio e la sconfitta ci può stare, presuppone un mio valore . Qualunque decisione io prenderò” – conclude il presidente – non mi sentirò mai un perdente. Colui o coloro che hanno scritto queste lettere sono i veri perdenti: Coloro che spesso non arrivano nemmeno a fallire”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: