Attualità

Industria nel savonese, resiste nei piccoli centri

Gli addetti ai servizi aumentano, soprattutto nelle città, mentre la forza lavoro impiegata nelle attività produttive diminuisce ma resiste soprattutto nei centri minori se non addirittura nell’entroterra. E’ la fotografia dell’Italia scattata dall’Istat con il suo rapporto sui Risultati economici delle imprese a livello territoriale. L’Istituto nazionale di statistica ha appena aggiornato i dati, con l’inserzione delle rilevazioni reltiva al 2016. Talii numeri, elaborati da Infodata, consentono di rappresentare una mappa dettagliata dei rapporti che cambiano tra chi lavora nella manifattura e chi è invece impiegato nei servizi.

La mappa è stata realizzata sommando gli addetti su base comunale dell’industria e del terziario. Per quanto riguarda la Provincia di Savona, si nota che in generale i servizi sono soprattutto concentrati lungo la costa e nei centri urbani di maggiori dimensioni, mentre l’industria “resiste” in alcuni comprensori e persino dove meno ci si poteva aspettare. E’ il caso di Nasino, profondo entroterra di Albenga, dove su 32 addetti complessivi ben l’81,3%, ovvero 26, lavorano nell’industria (che comprende industria, artigianato di produzione, costruzioni) e soltanto 6 nei servizi.  Anche se la percentuale maggiore per l’industria la troviamo a Roccavignale, in Val Bormida, con 171 addetti su 204 complessivi, pari all’83,4%.

A seguire una serie di comuni valbormidesi, come Dego, con 477 addetti all’industria (69,8%) e 206 nei servizi;  Altare, 647 industria (73,4%) e 235 servizi; Cosseria, 213 industria (67,4%) e 103 servizi; Pallare, 95 industria (63,3%) e 55 servizi. Nell’entroterra di Finale Ligure spiccano i dati di Rialto, con 30 addetti nell’ industria (62,5%) e 18 nei servizi, e di Magliolo, con 54 nell’ industria (60,7%) e 35 nei servizi, mentre a Vendone, piccolo comune dell’entroterra ingauno, gli addetti all’industria sono 18 (68%) e quelli nei servizi 8. Un caso a parte è rappresentato da Villanova d’Albenga dove l’insediamento Piaggio ha spostato gli equilibri: oggi gli addetti all’industria sono1.140 (68,9%) e quelli ai servizi 515. E gli storici centri industriali? A Cengio, post Acna, gli addetti all’industria (202) sono meno di chi lavora nei servizi (210); a Cairo Montenotte gli occupati nell’industria (2.607) riescono ancora a sopravanzare, sia pure di poco, i lavoratori del terziario (2.303). Il dato più stupefacente è però di Vado Ligure, un tempo la “Sesto San Giovanni” del litorale, dove gli addetti all’industria si contano in 1.730, la metà esatta di chi lavora nei servizi (3.462). Va anche precisato che tutte le attività portuali fanno capo ai servizi di trasporto e magazzinaggio, che rientrano a pieno titolo nel terziario.

Sull’altro fronte, gli addetti ai servizi sono preponderanti soprattutto a Laigueglia (628, 93,5%) e Bergeggi (214, 90,7%); ad Alassio sono 3.384, pari all’88,2%, a Spotorno 840 (86,1%), a Noli 400 (85,5%), a Loano 2.722 (84,1%). E tra i comuni a più alta densità di occupati nel terziario figurano i due principali centri della provincia: Savona, con 14.675 addetti (82,7%), e Albenga, con 5.256 addetti (80,8%). Le cifre dell’entroterra e dei piccoli comuni, per quanto interessanti, non cambiano il dato comune a tutti i Paesi sviluppati o “ricchi” ovvero che la popolazione attiva, minoritaria, è impiegata per la maggior parte nel terziario! Che in piccoli centri prevalga il “secondario” ovvero l’industria, senza nulla togliere alla qualità ed all’importanza conseguite, sembra quasi una connotazione “pittoresca”!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: